La “servitù del Resegone” e la Milano che cambia

La Torre Isozaki in costruzione a Milano, sullo sfondo delle Grigne innevate.
La Torre Isozaki in costruzione a Milano sullo sfondo delle Grigne-

Albano Marcarini, architetto e autore di guide, abile come pochi nel descrivere i paesaggi delle nostre Alpi (e della Lombardia in particolare) riferisce sulla bella rivista Orobie diretta da Pino Capellini che a Milano esisteva un tempo una “servitù del Resegone” consistente nel divieto, nella parte orientale della città, di erigere edifici che potessero coprire la vista di una delle più belle montagne prealpine. Ci hanno pensato poi le industrie con le loro ciminiere e rendere inutile questa cautela, come Marcarini acutamente osserva.

Altri tempi. Oggi gli amati profili del Resegone e delle Grigne devono convivere, per chi si può permettere il lusso di ammirarli con il bel tempo dalla propria abitazione in zona Magenta, con l’aggressiva skyline di City Life che sorge sull’area dell’ex Campionaria.

In questo momento, e per ciò che riguarda chi scrive, la cresta dai molti cocuzzoli del Resegone riesce a spuntarla sulle residenze Hadid le cui vetrate s’incendiano al tramonto, mentre l’arcigna Torre Isozaki, avviata verso il cinquantesimo piano a 207 metri di altezza, si erge al lato delle Grigne che presto dovrebbero essere cancellate alla vista dalle altre due torri previste dal progetto.

In cambio, nel recinto dell’ex Fiera Campionaria è stato concesso alla cittadinanza un giardinetto dai magri alberelli, con al centro uno specchio d’acqua circondato dal cemento. Un laghetto che, come oggi si usa in città, è appena un liquido velo alto una spanna steso sul fondale, un luogo sicuramente molto ambito dalle zanzare per deporvi gli ovetti per i nascituri che ci delizieranno nella torrida estate.

Ser

 

3 thoughts on “La “servitù del Resegone” e la Milano che cambia

  • 10/02/2016 at 10:13
    Permalink

    Dall’ ottavo piano di via Tolstoj si possono ammirare Grigna e Resegone ed anche i nuovi grattacieli di Citylife. Se volete vi mando le foto. Grazie
    Antonio

    Reply
    • 10/02/2016 at 10:52
      Permalink

      Grazie per il gentile pensiero. Le pubblicheremo volentieri.

      Reply
  • 05/05/2014 at 13:53
    Permalink

    Oggi ci vorrebbe, oltre a una nuova “servitù del Resegone”, anche una “servitù delle Grigne” e una “servitù del monte Rosa” per porre un limite al proliferare di palazzoni (vuoti) e grattaceli che stanno sempre più chiudendo il centro di Milano isolandolo dal bellissimo ambiente che lo circonda. Il monte Rosa, la montagna dei milanesi, che emerge sulla pianura lombarda come una balena bianca vogliamo continuare a vederlo!

    Reply

Commenta la notizia.