Al centro del Festival della fotografia storica a Torino le foto di Fabiano Ventura, e il suo impegno per l’ambiente

Messner e Ventura
Qui sopra uno scatto, tratto dal sito www.macromicro.it, ritrae Fabiano Ventura assieme a Messner in occasione dell’inaugurazione a marzo 2013 della mostra a Castel Firmian; in main page una foto di back stage dalla Sala Mostre Regione Piemonte

Si è inaugurata venerdì 27 giugno la tappa torinese di Memorandum, la quarta edizione del Festival della fotografia storica che tiene aperti i battenti fino al 20 luglio con 13 nuove mostre provenienti da archivi di altissimo livello e tutte ad ingresso gratuito. Un “tour fotografico” partito da Biella, che ora approda a Torino al Palazzo Giunta regionale del Piemonte e in seguito toccherà anche Roma e Mantova.
Al centro del percorso il lavoro fotografico e scientifico di Fabiano Ventura, fotografo e alpinista, che ha documentato gli effetti dei cambiamenti climatici in Alaska, Caucaso e Karakorum negli ultimi cento anni. Partendo dagli scatti di Vittorio Sella, Ardito Desio, Massimo Terzano, Mor Von Dechy e Wlliam Osgood Field, riprendendo ghiacciaio dopo ghiacciaio le stesse identiche inquadrature: radiografia in fieri del mutamento profondo che il pianeta sta attraversando.
Ventura vive e lavora a Roma dove organizza corsi di fotografia e collabora con la Società Geografica Italiana. Dal 2007 si dedica a questo interessante progetto multidisciplinare denominato “Sulle Tracce dei Ghiacciai”, atto a studiare l’effetto dei cambiamenti climatici sui più importanti ghiacciai della terra, mediante l’ausilio della fotografia e della ricerca scientifica sul campo. Grazie alla comparazione fotografica di immagini storiche e moderne, unita a misurazioni scientifiche sul campo, il comitato scientifico del progetto analizza lo stato dei più importanti ghiacciai del mondo, preziosi indicatori per la valutazione dello stato climatico corrente e, soprattutto, della sua evoluzione nel tempo. Le prime due spedizioni si sono svolte nel 2009 in Karakorum e nel Caucaso nel 2011, con il pieno raggiungimento di tutti gli obiettivi prefissati (rieffettuazione delle immagini storiche, misurazioni sul campo, una mostra fotografica, un convegno scientifico, i documentari televisivi, numerose pubblicazioni).
Il valore documentale e scientifico del progetto, ma anche la bellezza delle immagini e la loro capacità di emozionare hanno richiamato l’anno scorso l’attenzione di Rehinold Messner che ha voluto rappresentare con un ricercato allestimento il progetto “Sulle Tracce dei Ghiacciai” e in particolare i reportage da Caucaso e Karakorum: la mostra si è tenuta da marzo a novembre 2013 al Messner Mountain Museum Firmian di Bolzano con ottimo successo di pubblico. Un importante riconoscimento a Fabiano Ventura, “in qualità di fotografo particolarmente sensibile, nell’arco del suo lungo impegno professionale, alle tematiche ambientali ed in particolare ai ghiacciai”, è stato assegnato l’8 giugno, in una cerimonia ufficiale che si è tenuta alla Camera dei Deputati: si tratta del Premio Nazionale per l’Ambiente “Gianfranco Merli”, promosso dall’Associazione Movimento Azzurro.

Ecco infine i titoli delle altre mostre fotografiche contestualmente in programma in Piazza Castello: Magreb 1934 – Viaggio nell’Africa del Nord, a cura di Francesco Alberti La Marmora ed Elena Gallo; L’Africa di Giacomo Savorgnan di Brazzà, a cura di Giulia Mori; Disegnati con la luce, a cura di Luca Biasetti, Damiano Andreotti e Alessandra Montanera; Obiettivo sul fotografo – Un secolo di operatività del Gabinetto fotografico Nazionale, a cura di Clemente Marsicola e Anna Perugini; La memoria dell’aborigeno – L’arte fotografica di J. W. Lindt, a cura di Mario Mineo; Il viaggio della lana, a cura di Danilo Craveia; La dolcezza inquieta, a cura di Fabrizio Lava; Il Movimento FLUXSUS 1962-2012, a cura di Fabrizio Lava; I navigli di Chierichetti, a cura di Stefano Galli; Storia di una piccola grande birra, a cura di Alessandra Montanera e Raffaella Simonetti; Cartoline dalla città sott’acqua, cura di Danilo Craveia; 1921-1953 Immagini dall’archivio privato del fotografo Franco Bogge, a cura di Daniela Giordi; Scatti d’autore, a cura di Danilo Craveia.

Mostra: “Memorandum – Festival di Fotografia Storica”.
Sede: Sala Mostre Regione Piemonte, Piazza castello 165– Torino
Periodo: 28 giugno – 20 luglio 2014
Orario: 10.00 – 19.00 tutti i giorni, chiuso lunedì
Ingresso: libero
Info: tel. 800329329 – www.mrsntorino.it

Commenta la notizia.