Daniele Barbone, manager, maratoneta e testimonial dell’Expo

Cover BarboneChi, un bel giorno, decide di alzarsi dalla sedia e mettersi a correre non inizia solo a praticare uno sport entusiasmante, ma cambia anche la sua vita. Questo è il messaggio che Daniele Barbone, 43 anni, imprenditore e runner, trasmette nel suo libro. Per correre non bisogna acquisire un’attrezzatura costosa, bisogna solo abbandonare la pigrizia e muovere il primo passo. Dall’isolato di casa e dai parchi cittadini alle mezze maratone e alle maratone, Daniele racconta in un libro edito da Corbaccio (“Runner si diventa”, 200 pagine, 19 euro) come è approdato alle Five Major Marathons e alla 100km del Sahara, la corsa nel deserto che si avvicina al mondo estremo dell’Ultra-Trail. Volontà, motivazione, resilienza, capacità di porsi obiettivi realistici ma sempre più ambiziosi, non per ottenere riconoscimenti esterni ma per provare soddisfazione in se stessi.

Oggi Barbone non è solo un runner, è anche un “pace-maker”, un motivatore che affianca, sprona e consiglia chi sta correndo. E in “Runner si diventa” Daniele condivide con il lettore la sua “cassetta degli attrezzi”, utile a chiunque voglia avvicinarsi al running, a chi già lo pratica e a chi lo vede come metafora che insegna a realizzare i propri traguardi in ogni campo, dallo sport allo studio al lavoro: a individuarli, a sviluppare la resilienza necessaria, a soffrire un po’, a trovare buoni compagni di viaggio e, infine, a raggiungerli.

Nato ad Alessandria, Barbone è felice papà di Tiziano. Vive tra Novara e Milano. Ha creato un gruppo di aziende nel settore Green Economy e nel settore Formazione che sono oggi un punto di riferimento e che hanno ottenuto un numero consistente di premi e danno spazio in particolare a giovani talenti. Nel 2014 ha corso la 100Km del Sahara unendo la sua passione di sportivo a un’iniziativa benefica: per ogni chilometro di corsa percorso, ha ottenuto da alcune aziende un finanziamento in favore del Cesvi, un’organizzazione laica e indipendente che opera per la solidarietà mondiale. Con il progetto “Dall’Ufficio al Deserto”, è testimonial Expo 2015 per #expottimisti.

“Ogni passo, una conquista” è il motto di Barbone. “Resistere, una sfida. Il traguardo, uno scopo. Credo nei sogni. Credo nella forza del l’uomo, in quell’energia annidata nelle pieghe più nascoste della mente e del corpo. Non sono nato con un fisico d’atleta, eppure da zero, passo dopo passo, ho prima sognato e poi trovato una strada, la mia strada, per compiere una gara estrema, una corsa nel Sahara. Ogni impresa, umana, professionale o sportiva, è una corsa di resistenza, e la via per il successo una strada nel deserto. Non puoi affrontare il deserto senza preparazione. Non puoi affrontare il deserto, se ti arrendi alle difficoltà o se perdi di vista il tuo obiettivo. E non puoi affrontarlo da solo: l’aiuto di chi condivide i tuoi sogni è determinante quanto la tua ambizione”.

www.dallufficioaldeserto.it

http://www.corbaccio.it

Commenta la notizia.