Via Francigena “a pedalata assistita”. I pellegrini se la prendono comoda!

Le vacanze di Pasqua ormai alle spalle hanno aperto una stagione che si preannuncia importante per la Via Francigena dopo l’impegno della Regione Toscana per la messa in sicurezza e il potenziamento della segnaletica lungo il percorso. Costante è anche il lavoro delle altre amministrazioni regionali e locali e dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. A quanto risulta, gli accessi al sito ufficiale www.viefrancigene.org sono triplicati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e molti appassionati, ma anche persone che non hanno mai viaggiato a piedi o in bicicletta, stanno pianificando una vacanza lungo questo itinerario.

Sempre più spesso, a quanto comunica il sito “Movimento Lento” vengono richiesti viaggi “su misura”, magari con tappe più brevi, o periodi diversi dalla classica settimana, e molti viaggiatori hanno esigenze particolari (bimbi, cani al seguito, soste nelle città d’arte ecc.). “Ecco che l’ufficio di SloWays si è trasformato in un piccolo laboratorio di sartoria, in cui tagliamo e cuciamo i programmi di viaggio in base alle esigenze dei nuovi viaggiatori”, spiegano gli organizzatori invitando a contattarli.

Intanto è stata finalmente completata la tracciatura del percorso ciclabile.
Il nuovo itinerario è lungo 1027 km, divisi in 23 tappe della lunghezza media di 45 km, e unisce il Colle del Gran San Bernardo a Roma attraversando alcune tra le zone più belle d’Italia, dalle nevi perenni alle risaie, dalle colline toscane alle antiche vie romane.

Home page Francigena

Il percorso è disponibile su www.viafrancigena.bike, un sito sviluppato da SloWays, in collaborazione con l’Associazione Europea delle Vie Francigene e con la Regione Toscana.
La Via Francigena in bicicletta viene considerata la punta di diamante di un’offerta turistica innovativa, che utilizza le nuove tecnologie per avvicinare grandi fasce di pubblico al viaggio “slow”. Sul nuovo sito è infatti possibile consultare la mappa interattiva di tutto il percorso e scaricare gratuitamente le mappe e le tracce GPS. E’ inoltre possibile prenotare un viaggio organizzato con e-bike a pedalata assistita che consentono anche ai meno allenati di affrontare lunghi percorsi pedalando senza troppa fatica grazie all’aiuto di un silenzioso motore elettrico.

E’ inoltre previsto un servizio di trasporto bagagli tra una tappa e l’altra e il noleggio di un GPS o di un’App in grado di guidare i ciclo-viaggiatori senza bisogno di un accompagnatore esperto. In caso di necessità si può chiamare il servizio di assistenza per ottenere un aiuto a distanza. Questa formula di viaggio, definita “self-guided”, è molto diffusa all’estero ma ancora poco conosciuta in Italia. Consente ai viaggiatori la massima libertà di movimento: si può partire quando si vuole, da soli o in compagnia, e si viaggia al proprio passo, fermandosi quando si vuole.

Commenta la notizia.