Sentieri e vecchi mulini a Mandello del Lario

“Abbiamo consegnato la richiesta di fondi (Bando Fondazione provincia di Lecco, speriamo in bene!) per la ruota idraulica per la quale abbiamo fino ad ora raccolto più di 4600 euro ma siamo solo a poco meno di 1/4. Chiedo a tutti di contattare persone per diffondere l’iniziativa E se la ruota girasse ancora? Questo l’appello di Simonetta Carizzoni (acdml@libero.it9) di Mandello del Lario dell’Archivio Comunale Memoria Locale (www.archiviomandello.it, tel 0341.708224). Va precisato che l’ACML è un’associazione di volontari (più di 70). Archivia in modo informatico materiali ricevuti da privati, enti, associazioni, altri soggetti che conservino la memoria storica mandellese. Ne promuove, con eventi e pubblicazioni, la conoscenza. Propone itinerari e occasioni per un turismo culturale e didattico che riscopra il piacere dell’andare a piedi. Ha collaborato negli anni a varie iniziative, pubblicazioni e progetti, svolto studi e ricerche, presentato i risultati  in diverse mostre e quaderni. Conta su molti volontari e alcuni collaboratori esterni. 

Mandello
Le Grigne da Mandello del Lario.

Un affascinante museo all’aperto

A Molina (Mandello del Lario) con l’itinerario “A piedi lungo la roggia” un altro pezzo del museo all’aperto è stato realizzato dalla nostra associazione nello spazio di proprietà comunale occupato dal lavatoio a cui si accede scendendo tre gradini da piazza IV Novembre. Qui sono state posizionate, grazie alla sensibilità e alla collaborazione dei proprietari della casa adiacente Giulio Pandiani e Andrea Arrigoni tre cartelli della roggia sul muro che chiude la zona del lavatoio. I testi sono in italiano-inglese e ricordano la storia, nei secoli passati, delle attività presenti in questa parte del vecchio nucleo: il mulino Ripamonti “Bertùla”, la conceria Mainetti e il mulino Mainetti “Pinaia”.

La posa dei cartelli ha suscitato subito l’interesse dei residenti che si sono messi a guardare le foto d’epoca e i documenti, mentre qualcuno ha letto con attenzione le informazioni raccolte dall’Archivio con certosina pazienza e risalenti ai secoli passati (1500 per il mulino Mainetti). Un terzo cartello permette ai turisti, che faranno a piedi o in bicicletta questo itinerario, di individuare il luogo lungo il percorso della roggia e di confrontare la situazione attuale con le mappe dei secoli passati. Il breve testo in inglese facilita la comprensione anche ai turisti stranieri che sempre più spesso si fermano da noi, attratti dal nostro patrimonio anche storico culturale, oltre che dalla bellezza delle nostre montagne e del nostro lago.

roggia molina
Alcuni benemeriti artefici dell’iniziativa.

L’itinerario “A piedi lungo la roggia” è segnalato nell’opuscolo “Itinerari SIMple Ways, dai musei al territorio verso Expo e oltre” edito dal Sistema Museale della Provincia di Lecco. Ringraziamo tutti coloro che sostengono l’Archivio, che offrono la loro gratuita collaborazione per le ricerche, l’impaginazione grafica dei nostri cartelli e la traduzione dei testi.

Ricordiamo gli altri cartelli già stati posizionati: al Maglio, le chiuse, le ruote idrauliche, le turbine, la ruota Ferrario, la ruota Vicini. Resta sempre il progetto di posizionare una ruota funzionante ad acqua per cui stiamo ancora raccogliendo fondi con l’iniziativa “E se la ruota girasse ancora?”.

Simonetta Carizzoni

Commenta la notizia.