Cervino 150 anni. A Castellanza (VA) con Carrel e Bich, eredi dei conquistatori

Nuova importante tappa nelle celebrazioni della conquista del Cervino avvenuta un secolo e mezzo fa. Tocca questa volta a Castellanza, cittadina industriale sulle rive dell’Olona in provincia di Varese, dare vita a un evento con la straordinaria partecipazione di Antonio Carrel e Luca Bich, appartenenti a illustri dinastie di guide alpine ed eredi di due dei conquistatori italiani, Jean-Antoine Carrel e Jean-Baptiste Bich, che il 17 luglio 1865 riuscirono a calcare l’agognata vetta appena salita lungo il versante svizzero dalla tragica cordata di Edward Whymper. Appuntamento da non perdere dunque quello di venerdì 22 maggio alle ore 21 con la conferenza “Cervino: la sua storia e i suoi uomini” presso l’Aula Magna dell’Università LIUC. L’organizzazione è del CAI di Castellanza che quest’anno festeggia le sue settanta primavere.

Carrel con alpenstock
Antonio Carrel, già sindaco di Valtournenche, con l’alpenstock (ph. Serafin/MountCity)

A dare il via ufficialmente alle celebrazioni per il Cervino era stato l’8 maggio il TrentoFilmfestival dove, sul palcoscenico dell’Auditorium Santa Chiara, sono stati Reinhold Messner ed Hervé Barmasse a rendere omaggio alla Gran Becca con un riuscito spettacolo, mentre il giorno successivo il Cervino è stato al centro di un incontro con Paolo Paci, autore del libro “Nel vento e nel ghiaccio” (Sperling&Kupfer): a conversare con il giornalista milanese c’erano, con Roberto De Martin e Roberto Serafin, anche Irene Affentranger e Kurt Diemberger, due illustri esponenti del Gotha alpinistico, entrambi saliti in vetta in diverse occasioni.

L’incontro a Castellanza con Carrel e Bich, rispettivamente presidente e direttore artistico del Cervino Cinemountain Festival, è anche un’occasione per fare il punto sugli eventi che caratterizzano quest’estate le celebrazioni: tra questi, di grandissimo interesse per gli appassionati di alpinismo, la mostra sulle grandi scalate affidata ad Alessandro Gogna che quasi mezzo secolo fa firmò la celebre via al Naso di Zmutt rimasta per 45 anni senza ripetizioni.

Luca Bich con manifesto copia
Luca Bich, direttore artistico del Cervino Cinemountain Festival (ph. Serafin/MountCity)

Nel corso della serata di venerdì 22 a Catellanza viene anche proiettato un documentario inedito di Luca Bich, regista e produttore di film e documentari, con una lunga esperienza alle spalle iniziata nel 1990 che lo ha portato a realizzare numerosi film, tra cui “La plume de l’ours”, pluripremiati nelle manifestazioni di settore. L’ultima sua fatica del 2014, “Verso dove”, è un ritratto di Kurt Diemberger, alpinista austriaco che nel 2013 ha vinto il Piolet d’Or alla carriera. Antonio Carrel, a sua volta, è la memoria storica del Cervino, non solo perché figlio di Luigi Carrel (Carrellino) la cui figura è legata alla celebre montagna, ma soprattutto perché il suo avo Jean-Antoine Carrel guidò nel 1865 la cordata vincente al più nobile scoglio d’Europa. A lungo sindaco di Valtournenche, Carrel è stato anche al vertice dell’organizzazione internazionale delle Guide alpine.

L’evento “Cervino, Monte Rosa e dintorni” viene organizzato dal Cai di Castellanza con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura. Dopo l’incontro con Carrel e Bich di venerdì 22 maggio (intervistati dal giornalista Roberto Serafin), sabato 23 alle ore 17 nelle suggestive stanze di Villa Pomini viene inaugurata la mostra fotografica in bianco e nero di Franco Restelli dal titolo “Cervino, Monte Rosa e dintorni – Ritratto della montagna” che dà il titolo al programma. Villa Pomini è la sede scelta anche per la proiezione di due film che celebrano la conquista del Cervino. Venerdì 29 maggio alle ore 21 viene proiettato il film di Luis Trenker del 1938 “La grande conquista”. Venerdì 5 giugno alle ore 21 viene infine proiettato il docu-film “Vincersi” di Mirko Giorgi e Alessandro Dardani con le esperienze di giovani climber non vendenti che sfidano il loro limite grazie all’impegno e alla passione per l’arrampicata e la montagna.

Per informazioni contattare: Ufficio Cultura – e-mail: cultura@comune.castellanza.va.it
CAI – Sezione di Castellanza – e-mail: info@caicastellanza.it

http://www.caicastellanza.it

http://www.cervinocinemountain.it

Commenta la notizia.