Lo Zen e l’arte di scalare le montagne. Il nuovo libro di Luigi Mario

CoverUn piccolo grande evento editoriale che sicuramente richiamerà l’attenzione di tanti appassionati di alpinismo è annunciato da Monte Rosa edizioni nella preziosa collana delle “Parusciole”. Riguarda la pubblicazione del libro “Lo Zen e l’arte di scalare le montagne” (244 pagine, 14,50 euro). Ne è autore Luigi Mario (Engaku Taino), guida alpina romana e monaco zen, alpinista di valore che tra il ‘55 e il ‘65 apre numerose vie nel gruppo del Gran Sasso e ripete alcune tra le più difficili vie dolomitiche. La sua esperienza che trova riscontro in questo libro ha origine nel 1967, quando parte per il Giappone dove nel ’71 diventa monaco Zen. Come guida alpina, Luigi Mario raggiunge traguardi ragguardevoli: dal 1978 al 1985 è presidente della commissione tecnica e direttore dei corsi di formazione, nel 1986 partecipa alla prima gara di arrampicata ad Arco, fino al 2001 è il responsabile dell’arrampicata nell’Associazione Guide Alpine Italiane.

E oggi? Dal 1974 Luigi Mario insegna Taici e Zen nel monastero di Scaramuccia, presso Orvieto, e arrampicata nelle falesie e sulle montagne delle Alpi e dell’Appennino. Come segnala il curatore del libro Alberto Paleari nella prefazione, questa non è tuttavia una pubblicazione per imparare il Buddismo Zen e neppure per imparare l’arte dell’arrampicata. In più occasioni l’autore avverte infatti che sia lo Zen che l’arrampicata non si possono imparare sui libri, ma solo frequentando una scuola e seguendo un maestro.

E allora che cos’è questo libro? “Per me”, spiega Paleari, a sua volta illustre guida alpina e scrittore, “è soprattutto la storia di un uomo curioso, onesto e coraggioso, che ancora giovane ha raggiunto una grande abilità nell’arrampicata, ma che si è anche accorto dell’inutilità di tutto ciò; si è accorto che dopo una montagna ce ne sarebbe stata un’altra, e un’altra, e un’altra ancora, ma che nell’arrampicata e nelle montagne non c’era la risposta alle sue domande”. “Fu così”, prosegue Paleari, “che, spinto da motivazioni interiori più alte delle montagne, domande che riguardano il senso della vita e della morte, un giorno Luigi Mario partì per l’Oriente alla ricerca di un maestro che potesse rispondere a quelle domande. Quel maestro lo trovò nel Roschi Yamada Mumon nel monastero Shofukuji di Kobe, con cui ha percorso un duro cammino, più duro di quello che porta in cima alle montagne; ha vissuto sei anni in Giappone facendo in inverno il maestro di sci per mantenersi, non sapendo, al momento del suo arrivo, una parola di giapponese. Poi è tornato fra noi a raccontarci, anche con questo libro, la sua storia e la sua strada”.

Particolare importante. Paleari ha scelto solo alcune tra le migliaia di pagine scritte in 50 anni da Luigi Mario, tralasciando di fare commenti o di aggiungere spiegazioni che tradirebbero il pensiero dell’autore.

Monte Rosa edizioni. Collana Le Parusciole

Via della Reita 8 – 28836 Gignese (VB)

info@monterosaedizioni.it

www.monterosaedizioni.it

Commenta la notizia.