Premio Meroni 2015: un riconoscimento ai volontari che fanno grande la montagna. Candidature entro il 26 settembre

SEM-distintivo-copia-200x300L’ottava edizione del premio dedicato a Marcello Meroni si annuncia anche quest’anno come un test importante per sondare le mille risorse del volontariato in montagna. Il premio, organizzato dalla Società Escursionisti Milanesi, storica sezione milanese del Club Alpino Italiano, è infatti dedicato a individui o gruppi di persone che si siano distinti per l’aver portato a termine iniziative di volontariato in montagna e per la montagna. In base al regolamento, i candidati devono avere operato, con discrezione, dedizione e in modo volontaristico, per la difesa e la promozione della montagna nel campo dell’ambiente, della cultura, dell’alpinismo e della solidarietà.

A ricordo e testimonianza delle passioni e degli interessi di Marcello Meroni, istruttore di alpinismo a cui è intestato il riconoscimento, le iniziative devono essere caratterizzate da uno oppure più dei seguenti elementi: originalità, valenza sociale, solidarietà, dedizione e particolari meriti etici e culturali.

È possibile avere ulteriori informazioni e proporre candidature, ritenute coerenti con il profilo richiesto, scaricando il bando, il modulo e la scheda del candidato dal sito www.caisem.org/premiomeroni e inviando il tutto, opportunamente compilato, all’indirizzo e-mail: premiomarcellomeroni@caisem.org Le candidature devono pervenire entro il 26 settembre. La premiazione si tiene il 14 novembre presso la Sala Alessi a Palazzo Marino, a Milano in piazza della Scala nel corso di un pomeriggio aperto al pubblico. Anche quest’anno spetta alla scuola “Silvio Saglio” della SEM promuovere il premio con il consenso e il sostegno della famiglia di Marcello Meroni, con il contributo della Scuola Regionale Lombarda di Alpinismo e del CRUSM dell’Università Statale di Milano e con il patrocinio del Comune di Milano Consiglio di zona 1.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Palazzo Marino ospiterà la premiazione

 

  • L’albo d’oro

Nell’albo d’oro del premio figurano nel 2008 la guida naturalistica Sergio Giovannoni; nel 2009 Vittorio Bedogni, presidente della Scuola di alpinismo “Guido della Torre” del CAI Legnano; nel 2010 Umberto Pellegrini per iniziative di carattere scientifico, culturale e didattico; nel 2011 Marcella Fumagalli per le sue scelte di vita in montagna; nel 2012 Riccardo Scotti, giovane coordinatore scientifico del Servizio Glaciologico Lombardo; nel 2013 Laura e Giorgio Aliprandi, milanesi, per le loro ricerche nel campo della cartografia storica delle Alpi. Nel 2014,grazie al nuovo regolamento, a ricevere l’ambito riconoscimento sono stati i milanesi Franco Michieli e Davide Vitali, la biellese Nicoletta Gatteschi per il Gruppo Alpinistico Scolastico (GAS) e il varesino Oliviero Bellinzani. Una menzione speciale è stata anche dedicata nel 2014 all’attività del Museo della montagna istituito dal Cai Bolzaneto (GE).

www.caisem.org

Commenta la notizia.