Collegamento Val d’Ayas – Cervinia? Un suicidio!

Un importante documento rimette in discussione per l’ennesima volta il contestato progetto di una nuova funivia per collegare Champoluc con le piste di Cervinia. Presentato in agosto nel corso di un affollato incontro informativo in Val d’Ayas, mette a nudo realtà e criticità del turismo nell’area interessata ai nuovi collegamenti che vengono considerati “un suicidio” (sic). E soprattutto rivela inequivocabilmente quanto danno verrebbe arrecato in un’area di straordinario valore ambientale e culturale.

E non basta. Anche il direttivo della Sezione di Verrès del Club alpino italiano ha espresso in agosto “la totale contrarietà” al progetto di collegamento tra i comprensori del Monterosaski e di Valtournenche-Cervinia attraverso il vallone delle Cime Bianche. “Riteniamo che lo sviluppo turistico della nostra regione debba indirizzarsi verso modalità di sostenibilità ambientale”, ha detto il presidente, Piera Squinobal”, evitando di deturpare uno dei pochi siti incontaminati, per altro tutelato come Zona speciale di conservazione”.

In particolare, Marcello Dondeynaz e Rodolfo Soncini Sessa, hanno fatto notare nel gestire la serata ad Ayas che il Vallone di Cime Bianche dove passerebbero gli impianti è ritenuto poco adatto allo sci di pista, in particolare nella parte bassa. Inaudito: l’impianto avrebbe  funzione di trasporto degli sciatori anche in discesa.

Monte Rosa copia
Il migliore investimento non può che essere la creazione di un parco naturale, il rilancio del “Tour du Mont Rose” e la valorizzazione del patrimonio storico e culturale, in un’ottica d’integrazione dei diversi settori economici e di una stessa filiera. In alto sopra il titolo un aspetto del Vallone delle Cime Bianche.

L’incontro è stato promosso dal gruppo di lavoro “Ripartire dalle Cime Bianche”. Il gruppo, a quanto si è precisato, non si propone di contrastare il progetto, del quale esiste già uno studio di fattibilità, ma di evidenziare come tra le ipotesi di sviluppo turistico della valle finora prese in considerazione, poca o nessuna attenzione è stata posta a progetti alternativi più rispettosi dell’ambiente, aventi l’obiettivo di potenziare l’offerta turistica destinata a  persone desiderose di frequentare, sia d’inverno che d’estate, un ambiente di elevato valore naturalistico e paesaggistico.

Sono state fornite anche molte altre informazioni non contenute nello studio di fattibilità: un documento che qui MountCity è in grado di proporre nella sua integrità.

Il vallone delle Cime Bianche ospita tra l’altro un unicum geologico: la placca africana e la placca europea nel loro lento moto sono giunte qui a incontrarsi, chiudendo e sollevando l’antico oceano, la Tetide, che li separava. Il fondo oceanico (oggi riconoscibile nelle caratteristiche rocce verdi, gli ofioliti, che qui abbondano) fu sollevato sin oltre 3000 metri di quota e trascinò con se le isole coralline (era un oceano tropicale), che lo punteggiavano. Le riconosciamo nei tre denti bianchi (le Cime Bianche) che danno il nome al vallone e nella fascia bianca che ne percorre la sponda destra orografica.

Il Vallone lungo 10 chilometri è situato interamente nel Comune di Ayas delimitando a ovest il versante meridionale del massiccio del Monte Rosa. Riveste anche una notevole importanza storica e culturale essendo stato un’antica via di migrazione della popolazione Walser. E’ giusto che sia Ayas a sopportare l’impatto dei nuovi impianti il cui beneficio ricadrebbe nel territorio della Valtournenche? E’ giusto che la testata di Ayas sia trasformata in un grande parcheggio al servizio di Cervinia?

Una devastazione del Vallone delle Cime Bianche ne comprometterebbe per sempre la sua valorizzazione in tutte le altre stagioni. E dire che già oggi, a differenza della Valtournenche, la valli del Monte Rosa hanno un turismo estivo che vale quasi quanto la stagione invernale, e si potrebbe fare molto di più!

Per ulteriori informazioni sulle Cime Bianche, sul loro Vallone e sulla Val d’Ayas:

www.varasc.it

www.ayastrekking.it

www.andarpersassi.it

www.comune.ayas.ao.it/sito-ufficiale-comune/it/turismo/home-page-turismo.aspx

www.vivavda.it/it/aree/monte-rosa-valle-d-aosta

Scarica qui il documento VENITE A CONOSCERE IL VALLONE DELLE CIME BIANCHE

2 thoughts on “Collegamento Val d’Ayas – Cervinia? Un suicidio!

Commenta la notizia.