Piloni, carrucole, scheletri di skilift. Forse biocompatibili…

Cabine arrugginite di funivie diventate nidi di volatili, piloni, carrucole, piattelli di ski lift dismessi: le Alpi francesi rigurgitano di ferraglia abbandonata, testimonianze di un’epoca in cui l’industria dello sci sembrava un toccasana delle nostre vallate e poi, questa industria è stata penalizzata dall’evolversi dei flussi turistici e del clima. Ora Mountain Wilderness ha deciso di fare nelle Alpi un auspicabile repulisti anche per evitare che queste schifezze affiorando nella neve possano trasformarsi in trappole pericolose per sciatori ed escursionisti. In tre successive missioni sono stati raccolti 3 mila relitti da180 volontari in diverse aree appartenenti a parchi nazionali!

Pulizie nelle Alpi francesi
Volontari al lavoro nelle Alpi francesi (da http://www.mountainwilderness.fr). Nella foto sopra il titolo l’arrivo dello skilift da una trentina d’anni abbandonato alla Colma di Sormano nel Triangolo Lariano (ph. Serafin/MountCity)

Ne hanno beneficiato in particolare la zone dal Parco del Mercantour, con 172 tonnellate di “rifiuti” evacuati dai settori della Vésubie, della media e alta Tinée, dell’Ubaye e della Roya. Per evitare ulteriori danni, in Francia è stata avanzata una proposta: rilasciare la concessione di nuove autorizzazioni e di eventuali finanziamenti pubblici solo dietro adeguate garanzie finanziarie in grado di assicurare il ripristino del sito una volta terminato lo sfruttamento degli impianti. Intanto vorremmo che MW posasse gli occhi (anche se immaginiamo che lo abbia già fatto) sulla ferraglia abbandonata sulle nostre Alpi e sulle Prealpi.

C’è molto lavoro da fare anche da noi per smaltire relitti tutt’altro che biocompatibili e nessuno in Italia sembra occuparsene. Che dire della stazione d’arrivo dello skilift che da una trentina d’anni sconcia i verdi crinali che sovrastano il Pian del Tivano, nel Triangolo Lariano? E in un’area molto frequentata da famiglie con bambini per sfuggire al clima opprimente delle periferie industriali della Lombardia o per ossigenarsi mentre la pianura è satura di smog? E a chi spetta rimuovere questo sconcio? E che cosa si aspetta per farlo?

Fonte: www.montagnes-magazine.com/actus-amenagements-abandonnes-doit-nettoyer-montagne

Per saperne di più della raccolta di fondi per le bonifiche nelle Alpi francesi: http://www.outdoorconservation.eu/project-voting-category.cfm?catid=1

Commenta la notizia.