La medicina di montagna tra presente e futuro: il 12 marzo un convegno internazionale apre Mountcity

Il convegno La Medicina di montagna tra presente e futuro. Un indispensabile supporto all’attività escursionistica e alpinistica, inaugura il 12 marzo 2016 Mountcity, la settimana di eventi che porterà il mondo della montagna nel capoluogo lombardo. Il congresso, che si tiene alle ore 9.40 presso la Sala Alessi di Palazzo Marino, ha lo scopo di far conoscere al grande pubblico questo, relativamente nuovo, indirizzo medico, avvalendosi della presenza di personalità prestigiose a livello nazionale ed internazionale. Una frequentazione della montagna sempre più numerosa e diversificata, spesso affrontata in modo superficiale e poco attento, comporta certamente un aumento dei rischi legati sia a un ambiente ostile e sempre meno prevedibile per i cambiamenti climatici di questi ultimi anni, sia all’età sempre più avanzata di escursionisti ed alpinisti. Fondamentale appare quindi l’opera di prevenzione sanitaria degli incidenti e malori che, unita ad una più professionale, attenta e razionale attività degli operatori del soccorso, va ad influire sulla sicurezza di coloro che a vario titolo si approcciano all’ambiente montano. La medicina di montagna che si occupa delle patologie legate all’alta quota e all’ambiente montano in generale, sta diventando quindi sempre più importante nell’opera di prevenzione e trattamento.

Milano_-_Palazzo_Marino,_Sala_Alessi_01
La Sala Alessi a Palazzo Marino che ospita il convegno.

Il Convegno, indirizzato ai frequentatori a vario titolo della montagna, è organizzato dal dottor Luigi Festi, direttore del Master in Mountain Emergency Medicine dell’Università dell’Insubria, e Presidente della Commissione Medica Centrale del CAI, coadiuvato dal professor Gianfranco Parati, Professore Ordinario di Medicina Cardiovascolare all’Università Milano-Bicocca e Direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, Neurologiche e Metaboliche all’Ospedale S.Luca, Istituto Auxologico Italiano di Milano, nonché maggior esperto nel campo della diagnosi e trattamento delle patologie cardiologiche in alta quota. Il simposio può contare sul patrocinio prestigioso dell’Istituto Auxologico Italiano (che ha anche contribuito a sostenere l’organizzazione dell’evento), dell’Università Bicocca e del Comune di Milano.

I relatori, autorità nel campo della medicina e dell’emergenza in montagna sono: Buddha Basnyat di Katmandu, presidente dell’International Society Mountain Medicine e massima autorità mondiale in questo campo, che aprirà il Convegno con una Lectio Magistralis sulla Patologia d’Alta Quota, Jason Williams e Darryl Macias dell’Università del New Mexico, Guido Giardini presidente della Società Italiana di Medicina di Montagna, Mario Milani, direttore medico del CNSAS- Soccorso Alpino del CAI, oltre a Gianfranco Parati e Luigi Festi.

La Tavola Rotonda conclusiva, aperta al pubblico, offre l’opportunità di confrontarsi, e approfondire insieme con il pubblico, alcuni degli argomenti la cui conoscenza è fondamentale per un più consapevole e sicuro approccio all’ambiente montano. Scopo finale è quello di valorizzare la medicina di montagna, destinata a diventare indispensabile ausilio per una più consapevole ed attenta, ma per questo ancora più emozionante, completa e gratificante, frequentazione alpina. La partecipazione è gratuita ma è indispensabile accreditarsi inviando una mail all’indirizzo  mountcity@mountcity.it, indicando nome, cognome e qualifica professionale.

Mountcity – Montagne a Milano. Info – www.mountcity.it Facebook https://www.facebook.com/Mountcity-Montagne-a-Milano-953357074719965/?ref=ts&fref=ts

Coordinamento Gabriele Zerbi

Ufficio stampa Valentina d’Angella mountcity@mountcity.it

One thought on “La medicina di montagna tra presente e futuro: il 12 marzo un convegno internazionale apre Mountcity

Commenta la notizia.