Pedalate d’autore a “Linea bianca”

“Linea bianca” condotta il sabato (ore 14) su Raiuno da Massimiliano Ossini e Alessandra del Castello ha dedicato una puntata al Civetta nell’alta valle del Cordevole. Un’ottima occasione per riproporre alcune sequenze del cortometraggio che Marco Albino Ferrari ha realizzato sulla scia di un documentario del 1951 di Dino Buzzati: riguardano la vita di un piccolo villaggio ai piedi del Civetta nell’ottica dell’infaticabile postino del paese. Nel film di Ferrari, direttore di Meridiani Montagne, scrittore e cultore appassionato della storia delle popolazioni alpine, è una postina quella che oggi affronta il quotidiano girovagare di casa in casa in un borgo che rappresenta un’enclave ladina in questa magica area del Veneto. E’ già capitato di segnalare in questo blog il rinnovato impegno con cui Raiuno si avvicina con questa trasmissione (un tempo condotta da Manuela Di Centa) al mondo alpino supplendo alle vistose lacune in proposito del mezzo televisivo.

Non è un caso che sul video grazie a “Linea bianca” si affaccino – purtroppo in una fascia oraria poco frequentata e per giunta il sabato, quando si approfitta del week end per starsene all’aria aperta – personaggi che meglio non potrebbero rappresentare lo scenario alpino: come l’onnipresente Ferrari, la guida Marco Berti e, di recente, il re dei best seller Mauro Corona che distilla da par suo saggezza e ironia. Un consiglio? Non perdete se potete “Linea bianca” e intanto godetevi su Youtube la puntata con Marco Albino Ferrari che svela anche le sue doti ciclistiche in sella a una attualissima fat bike. Nel fermo-immagine, eccolo a sinistra pedalare accanto al conduttore della trasmissione. (Ser)

Commenta la notizia.