Corona cambia il look ma non il pelo

La bandana da cui capelli grigi e cespugliosi spuntano sempre più radi, la barba incolta, le braccia muscolose esibite fino alle ascelle hanno sicuramente contribuito a fare di Mauro Corona lo stereotipo del montanaro puro di cuore, inselvatichito ma al tempo stesso uomo di mondo. Acqua passata. Il grande scrittore, scultore, alpinista e pensatore di Erto ha deciso di dare un taglio: al suo modo di apparire, perlomeno. MountCity è in grado di pubblicare la sua nuova immagine pubblica. Certo, è quasi irriconoscibile con quell’abito di grisaglia e la cravatta scura. Ma il dado sembra ormai tratto. Nei talk show che ama frequentare, da “Ballarò” alle “Invasioni barbariche”, Mauro apparirà d’ora in poi in abiti manageriali, commisurati alla sua statura di intellettuale e di guru dei nostri tempi che al box office continua a risultare tra gli scrittori più letti, e anche il più letto in assoluto tra chi scrive storie di montagna.

Corona e Cassin
Da boscaiolo felice a top manager. Nella foto sopra il titolo la clamorosa trasformazione di Mauro Corona che qui vediamo in un’immagine di repertorio accanto al grande alpinista Riccardo Cassin (ph. Serafin/MountCity)

La decisione di dare una svolta alla sua vita si sussurra che dovrebbe comunicarla lo stesso Corona agli amici, il 1° aprile, in occasione di una sua conferenza a Prato presso la Casa del Popolo Caffaggio. Un’occasione anche per annunciare l’uscita di un suo nuovo libro. “Correvo il rischio di ripetermi”, avrebbe confidato, e l’idea di ripetersi non gli va proprio giù. La sincerità è sempre stato un cavallo vincente di Mauro, uomo che più limpido e cristallino di così non si può. Ma più spietate che sincere, più masochistiche che brillanti erano apparse qualche tempo fa alcune sue dichiarazioni alla “Zanzara” di Radio 24 Ore. Durissimo era stato con se stesso, ma l’autoflagellazione per scontare i propri peccati come si sa è una pratica che risale al Medioevo. “Sono un vile, avrei potuto fare di più, essere più leale. Mi faccio schifo, sono una brutta bestia, un cattivo essere umano, ma non nel senso di cattiveria d’animo. Mi faccio schifo anche fisicamente”. Queste le sue parole e viva la sincerità! Sembra che per il suo eccesso di anticonformismo sia stato richiamato all’ordine nientemeno che dal suo editore, Silvio Berlusconi in persona, notoriamente allergico alle pelurie superflue. Si pensava che Corona se l’avesse a male, ma non è stato così. Forse ha pensato che, data l’età, il ruolo di “cavernicolo chic”, secondo una definizione che gli ha affibbiato affettuosamente Daria Bignardi prima di diventare direttrice di Raitre, cominci davvero ad andargli stretto. Eppure dicevano così anche del grande pittore Giovanni Segantini, un “homo salvadego” e tormentato che non disdegnava di frequentare, con la sua aria burbera e dimessa, le “corti” del Suvretta e degli altri grandi alberghi engadinesi ai tempi in cui dipingeva contadinelle e mucche al pascolo. E Segantini se ne è sempre infischiato di quello che dicevano di lui. Sarebbe bello ora sapere che cosa ne pensano del nuovo look ammiratori e ammiratrici, che sono legioni e che Mauro si è conquistato grazie al suo talento di scrittore e di scultore, non certo con sterili mezzucci. Non è però da escludere che, a furor di popolo, sia costretto a tornare sulle sue decisioni. Almeno si tolga quella cravatta, una nota decisamente stonata per uno come lui!

3 thoughts on “Corona cambia il look ma non il pelo

  • 09/05/2018 at 18:39
    Permalink

    Corona ha effettivamente cambiato il look, ma lo ha fatto soltanto in questo mese di maggio 2018, presentandosi in smoking e senza bandana all’appuntamento televisivo con Bianca Berlinguer. Non sarà sfuggito ai gentili lettori che la notizia qui riportata fu pubblicata due anni fa, nel mese di aprile. E di un pesce di aprile si trattò, con tutto il rispetto e la simpatia per il popolare scrittore e scultore.

    Reply
  • 31/03/2016 at 21:28
    Permalink

    Perchè no?! Nulla di più anticonformista che fingersi conformi.

    Reply

Commenta la notizia.