Vita e miracoli del fratello di Quintino. Un vero genio

Libro Venanzio Sella“Plico del fotografo”. Ovvero, “un libro sull’arte pratica e teorica di disegnare uomini e cose sopra vetro, carta, metallo, ecc. col mezzo dell’azione della luce”. A teorizzare questa per quell’epoca avveniristica attività fu nel 1856 Giuseppe Venanzio Sella, pioniere della fotografia. Non godé della fama del fratello minore Quintino che diede vita al Club Alpino Italiano dopo aver scalato il Monviso e dopo avere affibbiato agli italiani la tassa sul macinato nella sua veste di ministro delle Finanze. Ma non si merita, l’esimio Giuseppe Venanzio, di rimanere perennemente sprofondato nell’ombra del fratello. Anche perché tra le sue virtù vi fu, per l’appunto, anche quella di teorizzare i rudimenti della nascente arte fotografica di cui fu validissimo esponente un altro Sella, Vittorio, che lasciò documenti straordinari sulle montagne del mondo. A Giuseppe Venanzio la Fondazione Sella onlus e l’Unione Industriale Biellese dedicano, venerdì 15 aprile 2016 alle ore 17,30 presso l’Unione Industriale, in via Torino 56 a Biella, un incontro in occasione della presentazione del volume di Valerio Castronovo “Giuseppe Venanzio Sella. Imprenditore e uomo di cultura”.
 Il libro viene presentato da Luca Paolazzi, direttore del Centro Studi di Confindustria, e dall’autore.

Valerio-castronovo500--
Valerio Castronovo

Giuseppe Venanzio Sella fu imprenditore di spicco nell’Italia agli esordi dell’unità nazionale, oltre che valido studioso nel campo delle scienze fisico-chimiche. Membro della Giuria internazionale per il settore laniero all’Esposizione Universale di Londra del 1862 e in quella di Vienna del 1973, percorse mezza Europa per acquisire le soluzioni più efficaci per l’incipiente sviluppo dell’industria manifatturiera e del credito bancario in Italia. Fu ammiratore della Germania di Bismarck per i suoi progressi in campo tecnico e scientifico oltre che per il suo sistema educativo. Il citato “Plico del fotografo” fu il primo manuale italiano di arte fotografica e venne presto tradotto anche in altre lingue. Castronovo ne ripercorre la vita, offrendoci il ritratto di un uomo dai molteplici interessi e dalle molte capacità. 
E’ possibile comunicare la propria adesione alla presentazione del libro scrivendo all’indirizzo fondazionesella@fondazionesella.org o telefonando dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì al numero 0152522445.

Commenta la notizia.