Sullo schermo il mondo di Fantin, il cineasta del K2

Alla presenza del regista, della produzione e dei sostenitori del film viene presentato venerdì 6 maggio presso la Sala Convegni della Fondazione Bruno Kessler di Trento il sito web e la campagna di crowdfunding per la realizzazione di un film su Mario Fantin (1921-1980) per la regia di Mauro Bartoli, prodotto da Apapaja Srl e LabFilm. Sono presenti Mauro Bartoli (regista), Simone Bachini (CEO Apapaja Srl), Piero Carlesi (Cineteca Nazionale CAI), Aldo Audisio (Museo Nazionale della Montagna – CAI Torino), Vinicio Ruggeri (CAI Emilia-Romagna). Mario Fantin, cineoperatore ufficiale della scalata italiana al K2 del 1954, ha dedicato tutta la sua vita alla montagna e all’esplorazione. Dai luoghi più inviolati del mondo al suo appartamento bolognese, dalle grandi spedizioni al mal di vivere, passando per la creazione del CISDAE – l’archivio sulle spedizioni di montagna più importante del mondo – il suo desiderio è sempre stato quello di tramandare ai posteri informazioni scientifiche, immagini, racconti. Il mondo in camera è un film sull’avventura e su come raccontarla.

La presentazione del progetto avviene all’interno del convegno Industry Day realizzato dal Trento Film Festival e dalla Trentino Film Commission dedicato ai produttori locali con la partecipazione di alcuni importanti leader della distribuzione cinematografica nazionale e internazionale. Viene presentato il progetto sia nei suoi elementi artistici, con un focus sulla figura di Fantin e con una particolare attenzione al materiale d’archivio conservato nel “Fondo Mario Fantin” presso il Museo Nazionale della Montagna di Torino.

Il progetto si accompagna alla pubblicazione del sito www.ilmondoincamera.it e al lancio della campagna di crowdfunding nel mese di settembre 2016. Il sito, realizzato in collaborazione con il Museo Nazionale della Montagna di Torino e la famiglia Fantin, vuole essere un portale di aggiornamento sulla produzione e sulla successiva distribuzione del film. Nella sezione “Il mondo di Fantin” sono presenti  una selezione delle centinaia di fotografie che l’esploratore scattò nel corso dei suoi viaggi, così come alcuni carteggi che testimoniano la sua attività e le sue fatiche (la corrispondenza con la sede centrale del CAI, ad esempio), ma anche alcuni documenti fino ad ora inediti.

www.ilmondoincamera.it

www.apapaja.com

www.labfilm.it

Commenta la notizia.