Bravi ragazzi! Grazie a loro, la Goja del Pis in val di Susa è tornata pulita

“Valsusa Oggi” divulga una buona notizia, una ventata di aria fresca fra tanto sangue che imbratta il web e la carta stampata in questi giorni. Volentieri la riprendiamo in mountcity.it. Cinque ragazzi delle valli si sono volontariamente adoperati per ripulire la splendida Goja del Pis sul Fiume Mesa e le zone limitrofe, invase dalla sporcizia che turisti e visitatori non si peritano di disseminare. Il salto del Pis, circa 14 metri di altezza in una conca di circa 30 metri di diametro nei pressi di Almese, deve le sue forme a centinaia di migliaia d’anni di erosione operata dalle acque su rocce particolarmente dure che, proprio per questo, hanno limitato l’azione delle acque stesse. Si tratta di serpentiniti, rocce ricche di ferro e magnesio, derivanti da magmi di antica crosta oceanica.

goja-del-pisL’approfondimento ed il modellamento del vallone non si è interrotto neppure durante le glaciazioni; in quei lunghi e gelidi periodi le acque infatti hanno agito anche sul fondo del ghiacciaio con un’energia se possibile ancor più intensa considerata la pressione in un ambiente compresso fra ghiaccio e roccia. Evidentemente questo splendido ambiente è frequentato anche da turisti maleducati e la speranza è che, se mai venissero al corrente di questa confortante notizia, possano ravvedersi. Nella foto ripresa da “Valsusa Oggi” i ragazzi soddisfatti per la buona azione compiuta.

http://www.valsusaoggi.it

Commenta la notizia.