Salsiccia o salsiccetta? Le scelte del Crotto Quartino

Ciao,
 c’è un aneddoto simpatico della nostra infanzia che ti vogliamo raccontare e riguarda proprio un personaggio del paese, molto “sopra le righe”, che era molto divertente… Vicino a casa dei nostri genitori, c’era una storica macelleria e Dario, il macellaio era particolarmente simpatico. Quando un cliente gli chiedeva: “Sig. Dario mi dia un po’ di salsiccetta per la cena di stasera!”. Lui rispondeva scherzosamente: “Quanti chilometri ne vuole?” Era matto da legare…

Crotto Quartino
Una veduta del Crotto Quartino (Santa Croce di Piuro, SO, tel +39 0343 35305 www.crottoquartino.it Su Facebook). Nella foto sopra il titolo la salsiccetta della Salumeria Valtellinese (Cosio Valtellino, tel e fax 0342.638169)

Anche noi ogni anno facciamo produrre chilometri e chilometri di salsiccetta, li facciamo preparare nella nostra macelleria di fiducia, appositamente per te con la ricetta del Crotto Quartino. Viene prodotta con budello naturale di capretto, niente cose sintetiche quindi…Per quanto riguarda la cottura facciamo un po’ di chiarezza. Un tempo i buongustai delle salsiccette, le cuocevano poco, facendole rimanere molto rosate nel mezzo, altrimenti la lamentela costante era...“l’è tròp sücia”! E’ troppo asciutta! E si scatenava il Far West…I pistoleri della Valchiavenna si facevano sentire fino a Milano.

Scherzi a parte, è per dirti che la cottura è una cosa un po’ soggettiva e ogni tanto capita che qualche cliente dica che è troppo cotta, o troppo cruda. Chiaramente anche noi possiamo sbagliare, nel caso ti invitiamo a parlare sempre con noi in modo molto naturale se qualcosa non ti convince. Tieni presente che se preferisci avere con una cottura diversa rispetto a quella standard che abbiamo deciso in cucina, puoi sempre dirlo e noi cercheremo, dove possibile, di accontentarti. Noi proponiamo una cottura media, un pochino rosata all’interno diciamo, per evitare che diventi troppo asciutta.

Perché la salsiccetta e non la salsiccia? Noi preferiamo la salsiccetta alla classica salsiccia perché la scelta della carne è più selezionata ed essendo piccola cuoce subito e viene servita in tavola in men che non si dica. La ricetta è quella di una volta, semplice e tradizionale. E’ composta da carne di suino, con 50% di spalla e 50% di pancettone, sale e pepe. Punto. Niente conservanti, additivi o sostanze simili.

A presto dallo Staff.

Fabio e Mauro

 

Commenta la notizia.