I medici del Cai e l’educazione sanitaria

Locandina ed. samitaria
La locandina del corso a Bergamo. Sopra il titolo una vignetta di Bruno Bozzetto, grande amico della montagna.

Primo soccorso e fondamenti di medicina di montagna sono elementi indispensabili da conoscere per chi vuole frequentare responsabilmente l’ambiente alpino. Per familiarizzarsi con questi temi, niente di più consigliabile che iscriversi al 22° Corso di educazione sanitaria della Commissione medica della Sezione di Bergamo del Club Alpino Italiano. Sapere come cavarsela in caso di avvelenamento da funghi (tema di grande attualità in questa stagione) o quando si viene sorpresi da un temporale e si è colpiti da un fulmine, quali farmaci portare nello zaino e, alla disperata come praticare la rianimazione in attesa dei soccorsi “ufficiali”: questi alcuni dei temi trattati da medici specialisti e infermieri nonché tecnici del Soccorso alpino dal 26 settembre al 27 ottobre pressso il Palamonti (iscrizioni e versamento della quota presso la segreteria del Cai in via Pizzo della Presolana, 15 – Bergamo – tel 035 41 75 475).

“Le nozioni esaminate in questo corso possono contribuire a migliorare la sicurezza e le capacità operative in eventi che malauguratamente imponessero – nelle fasi iniziali – un ‘fatelo da soli’, in attesa dell’arrivo di più organizzati soccorsi”, puntualizzano gli organizzatori. Un corso quindi che si sforza di puntare a nozioni e dimostrazioni semplici, che facilmente possano essere comprese e ricordate, divulgando una pratica corretta di primo soccorso e presentando aggiornate forme di prevenzione. Occorre aggiungere che la possibilità di inserire queste tematiche nella non facile realtà del terreno di montagna è favorita dalla scelta dei relatori, medici e infermieri professionali praticanti assidui dell’ambiente alpino, alcuni di essi anche tecnici del CNSAS e dei servizi di elisoccorso: non solo quindi professionisti della materia, ma anche particolari conoscitori dei risvolti che l’intervento di soccorso può assumere quando praticato in montagna.

Commenta la notizia.