Gli Hunza il popolo piú longevo e felice?

Tra i post più visitati questa estate in mountcity.it, svetta lo scritto di Oriana Pecchio, medico di montagna, sulla dieta degli hunza (Il popolo hunza e l’elisir di lunga vita tra mito e realtà) benché la sua pubblicazione risalga all’ottobre 2015. Con piacere va ora segnalato che il sito eastonline.it, versione on line della rivista Eastwest disponibile in versione cartacea in italiano e inglese in 3 continenti, 22 paesi e 250 città del mondo (per informazioni scrivere a redazione@europeye.com), riprende l’argomento in un articolo sugli Hunza, questa popolazione che vive nelle valli pakistane settentrionali di Hunza, Nagar e Yasina. Pubblichiamo per gentile concessione il testo significativamente intitolato “Gli Hunza, il popolo più longevo e felice del mondo?”.

Così riescono a vivere fino a 130 anni

Semplice: gli Hunza sono considerati il popolo più longevo e felice del mondo per lo stile di vita sano e un’alimentazione altrettanto naturale. Si dice che alcune di queste persone riescano ad arrivare alla soglia dei 130 anni, a volte addirittura oltre, e che per loro malattie come cancro, diabete e obesità in pratica non esistano. Alcuni studi effettuati su questo popolo, rivelano che il segreto principale della loro dieta, sarebbe l’assunzione massiccia di vitamina B17 tramite l’assunzione giornaliera di semi di albicocca tritati, antiossidanti naturali potentissimi.

east67it
La rivista Eastwest disponibile anche in digitale (www.eastonilne.it). Sopra il titolo un’immagine degli Hunza tratta da Eastonline.it

L’alimentazione di questo popolo si basa principalmente sull’assunzione di molte verdure, spesso consumate crude, come piselli, lattuga, carote, fagiolini e frutta, sia fresca che secca: mele, pesche, albicocche, ciliegie, mandorle, dalle quali producono anche l’olio, noci, nocciole, yogurt e proteine animali tra cui pollo, formaggio poco stagionato e latte. Il consumo di carne rossa è bassissimo, pur non essendo vegetariani. Ma non basta assumere questi alimenti per ottenere gli stessi benefici di questo benessere, ovviamente. Gli Hunza sono soliti fare solo due pasti al giorno, introducendo poco meno di 2000 calorie a testa nonostante il loro stile di vita attivo, svolgono inoltre sforzi fisici molto impegnativi e non a caso, molti di loro vengono impiegati per aiutare nelle lunghe spedizioni specialmente sull’Himalaya. Gli Hunza camminano molto e in questo modo mantengono le articolazioni giovani e il cuore allenato. Oltre a una sana dieta, gli Hunza si sottopongono a periodi di semi digiuno per un tempo che può anche arrivare ai due mesi di durata. Durante l’inverno infatti mangiano gli alimenti che sono riusciti a conservare dai mesi precedenti, ma comunque insufficienti per sfamare tutti, aspettando l’arrivo della primavera per cominciare nuovamente a coltivare e produrre. Il digiuno infatti è considerato una pratica utile per depurare il corpo da tutte le eventuali tossine accumulate nel corso dell’anno e contrariamente a quello che si può pensare, esso porta a essere più in forze e non il contrario. Purtroppo recentemente anche gli Hunza stanno subendo l’arrivo della globalizzazione e il consumo di prodotti industriali e raffinati, cominciando cosí a soffrire di diverse patologie ad essi collegati.

 @Angelinaincucin

FONTE: http://www.eastonline.eu/it/opinioni/soul-kitchen/gli-hunza-il-popolo-piu-longevo-e-felice-del-mondo

Di seguito un elenco delle fonti utilizzate sul web dall’autrice di eastonline.it per la redazione di questo articolo:

http://www.mountcity.it/index.php/2015/10/09/alimentazione-e-montagna-il-popolo-hunza-e-lelisir-di-lunga-vita-tra-mito-e-realta/

http://www.disinformazione.it/hunza.htm

http://orient-ars.blogspot.co.uk/2013/01/il-popolo-piu-longevo-al-mondo-gli-hunza.html?m=1

http://www.dailygreen.it/green-world/gli-hunza-la-popolazione-piu-longeva-al-mondo/



http://www.filomenacampagna.it/fc/restrizione-calorica-modulatori-epigenetici-e-longevita/



http://www.ilcibodellasalute.com/qual-e-il-segreto-della-salute-e-della-longevita/

 

 

 

Commenta la notizia.