“Paurosa Bellezza/Grozljiva Lepota”, grande alpinismo in scena a Trieste

Emilio Comici (1901-1940)

Debutta in prima assoluta venerdì 21 aprile 2017 in lingua italiana (alle 19.30) e in lingua slovena (alle 21) al Ridotto del Teatro Stabile Sloveno “Paurosa bellezza/ Grozljiva lepota” di Marko Sosič, nuovo progetto liberamente ispirato alle imprese, agli scritti e alle vicende biografiche di Emilio Comici, Enzo Cozzolino e Tiziana Weiss, in cui i due Teatri Stabili di produzione di Trieste – il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e l’SSG – Teatro Stabile Sloveno – hanno profuso un comune impegno creativo, proseguendo una collaborazione avviata nelle ultime stagioni. Affascinante il tema: attraverso le suggestioni di tre grandi arrampicatori del territorio, la commedia indaga i temi e il senso della sfida fra l’uomo e la montagna, l’uomo e il suo limite. In programma repliche fino a domenica 14 maggio e diverse iniziative collaterali. Inconsueta la forma di uno spettacolo realizzato con doppio cast e doppia versione linguistica che permette al pubblico di vivere l’emozione dello stesso testo e della stessa regia da due prospettive differenti. Con “Paurosa Bellezza/Grozljiva lepota” il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e il Teatro Stabile Sloveno uniscono le loro forze e le compagini artistiche in un nuovo progetto comune che segue il successo della precedente coproduzione, “Trieste una città in guerra”, realizzata in occasione dell’anniversario della Grande Guerra.

Tiziana Weiss (1952-1978)

Il testo di Sosič, scritto in lingua slovena, è tradotto da Laura Sgubin e adattato da Žanina Mirčevska. L’interpretazione scenica della dimensione poetica delle passioni e ideal di Comici, di Cozzolino e della Weiss è stata affidata al regista e coreografo Matjaž Farič che ha assicurato a “Paurosa bellezza/ Grozljiva lepota” una chiave di lettura molto intensa anche attraverso l’espressione fisica degli attori che durante lo spettacolo si mettono alla prova con simulazioni di arrampicata. Nella versione slovena, sovratitolata in italiano, recitano Maruša Majer, Primož Forte e Tadej Pišek, in quella in lingua italiana Filippo Borghi, Lara Komar e Riccardo Maranzana. Tutte le repliche vanno in scena al Ridotto del Teatro Stabile Sloveno in via Petronio 4, alternando le due versioni linguistiche, ma in quattro serate anche in doppia replica per permettere al pubblico di assistere di seguito a entrambe le interpretazioni.

Enzo Cozzolino (1948-1972)

La prima dello spettacolo, nella doppia versione slovena e italiana, va in scena come si è detto venerdì 21 aprile a partire dalle 19.30 (prima la versione italiana, alle 21 quella in lingua slovena). Particolare importante. L’alpinismo e le imprese degli alpinisti triestini rappresentano un argomento di enorme suggestione che merita un ulteriore approfondimento a corollario delle repliche dello spettacolo. Il 22 e il 29 aprile vengono proposte una conferenza e una tavola rotonda per conoscere meglio i temi trattati da “Paurosa bellezza”. Sabato 22 alle ore 19.00 nello Spazio Club del TSS il giovane filosofo e antropologo Jernej Šček presenta per la prima volta nella regione la conferenza (in lingua slovena) dedicata a Emilio Comici, corredata da suggestive immagini video e rare fotografie. Sabato 29 aprile alle ore 17.30 al Rifugio Premuda di Bagnoli della Rosandra l’autore del testo Marko Sosič, lo scrittore e giornalista Paolo Rumiz, l’alpinista Dušan Jelincič parlano di montagna, alpinismo e scrittura in una tavola rotonda moderata dal giornalista Luciano Santin. La conversazione è in lingua italiana. Tutti gli appuntamenti di approfondimento sono a ingresso libero.

Fonte: http://www.triesteprima.it/eventi/teatro/paurosa-bellezza-grozlijva-lepota-montagna-teatro-19-aprile-2017.html

One thought on ““Paurosa Bellezza/Grozljiva Lepota”, grande alpinismo in scena a Trieste

  • 20/04/2017 at 16:14
    Permalink

    interessante, spero riceva ottime critiche dagli alpinisti triestini e giri un po’ qui da noi
    gli sloveni di solito sono molto rigorosi nei ragionamenti attorno agli alpinisti

    Reply

Commenta la notizia.