Chi facilita i piromani

Gli incendi che hanno devastato ampie aree boschive del Piemonte e della Lombardia hanno riaperto sulla Stampa del 28 ottobre 2017 un capitolo scabroso nella vita delle regioni alpine dove ancora alcuni pretenderebbero di costruire nuovi impianti per lo sci a costo di spremere le ultime risorse idriche da un territorio sempre più inaridito. L’accento su questo operare di un’imprenditoria che bada solo ad accumulare ricchezze, dollari o rubli che siano, viene posto sul quotidiano torinese da Mario Tozzi, eccellente divulgatore. A proposito delle fiamme divampate in Val di Susa, Tozzi fa infatti riferimento a uno spreco “le cui basi non si pongono solo nella stagione estiva torrida, bensì soprattutto in quelle precedenti, magari durante gli inverni in cui cade pochissima neve”. “Per ragioni esclusivamente di profitto”, spiega Tozzi, “l’acqua dolce viene riconvertita in neve artificiale a ritmi che incrementano il ricorso ulteriore ai cannoni sparaneve, visto che continua a non nevicare, in un drammatico circolo vizioso che non si riesce né a risolvere né a spezzare”. L’uomo dunque facilita i piromani. L’uomo, cittadino o montanaro che sia, mente sapendo di mentire spacciando per innocuo il prolungamento dei cavi di certe teleferiche: soluzioni che non avrebbero alcun senso se non supportate da impianti di innevamento con l’accumulo del prezioso elemento in bacini artificiali in alta quota a spese di un ecosistema già compromesso dalle avversità climatiche.

Alle parole di Tozzi fanno eco quelle di Paolo Cognetti, premio Strega per il libro “Le otto montagne”, quando s’indigna per i ventilati affronti degli impiantisti alla residua naturalezza del Monte Rosa. Il suo articolo risale al 16 luglio 2017 nelle pagine del quotidiano La Repubblica. “C’è un ultimo vallone selvaggio ai piedi del Monte Rosa”, scrisse Cognetti, “esiste da sempre e tra poco non esisterà più”. Si riferiva, si riferisce al vallone delle Cime Bianche che sarà sacrificato come tutto il Monte Rosa allo sci di discesa. “Ma lo sanno gli sciatori come si fa una pista da sci?”, s’interrogava a questo punto Cognetti, recentemente entrato a far parte del Comitato etico scientifico di Mountain Wilderness. “Io credo di no, perché altrimenti molti di loro non sosterrebbero di amare la montagna mentre la violentano. Una pista si fa così: si prende un versante della montagna che viene disboscato se è un bosco, spietrato se è una pietraia, prosciugato se è un acquitrino; i torrenti vengono deviati o incanalati, le rocce fatte saltare, i buchi riempiti di terra; e si va avanti a scavare, estirpare e spianare finché quel versante della montagna assomiglia soltanto a uno scivolo dritto e senza ostacoli. Poi lo scivolo va innevato, perché è ormai impossibile affrontare l’inverno senza neve artificiale: a monte della pista viene scavato un enorme bacino, riempito con l’acqua dei torrenti d’alta quota e con quella dei fiumi pompata dal fondovalle, e lungo l’intero pendio vengono posate condutture elettriche e idrauliche, per alimentare i cannoni piantati a bordo pista ogni cento metri”. Qualcuno è ancora disposto a fare orecchie da mercante leggendo ciò che scrivono Tozzi e Cognetti? (Ser)

Le condizioni di siccità complicano ulteriormente le cose. I roghi in Piemonte e in Lombardia hanno più fronti, in zone anche impervie (foto e fermo-immagini da La Stampa).

 

2 thoughts on “Chi facilita i piromani

  • 30/10/2017 at 22:53
    Permalink

    Davvero raro, per me, leggere persone di questa caratura che parlano esattamente come la penso io speriamo che serva a far riflettere molti anche se dubito che molti sappiano rinunciare ad una pista da sci in più, grazie comunque per la condivisione di quest’articolo.

    Reply
  • 30/10/2017 at 18:02
    Permalink

    Grazie, grazie davvero a tutti quelli che cercano di salvare ancora qualcosa dell’ambiente alpino e che hanno una voce sufficientemente forte per farsi udire. Grazie Tozzi, grazie Cognetti e soprattutto grazie a te Roberto che hai tempestivamente sintetizzato il loro pensiero. Non riesco a sopportare l’idea che il Vallone delle Cime Bianche al Monte Rosa sia deturpato da un impianto funiviario inutile che non porterà certo tutto il benessere economico che alcuni auspicano.

    Reply

Commenta la notizia.