Quel clic mentre scii che viene dal satellite

Miracoli della geolocalizzazione. Grazie a questa tecnologia satellitare è possibile condividere il piacere di sciare e rilanciare in tempo reale sul web le proprie esperienze pistaiole. Il vezzo, si sa, è sempre più diffuso tra gli amanti di sport invernali. Sempre più di frequente, cioè, si intercettano su Facebook barbosissimi video realizzati in soggettiva con smartphone o go pro da sciatori ai quali non pare vero di farsi ammirare dagli amici, un po’ come i bambini che prima di buttarsi a capofitto su una pista con gli sci vogliono essere sicuri che il papà (o la mamma) siano lì ad ammirare le loro prodezze.

Risulta però che qualche sciatore avverta difficoltà a registrare le proprie esperienze. Niente paura, in questi casi è una app a venirci incontro, a quanto si legge nel sito di una località valdostana. Di che cosa si tratta? Viene spiegato che è un sistema unico di fotografia “basato su geolocalizzazione univoca delle persone in spazi aperti”. E comunque senza la collaborazione di terzi e senza acquistare equipaggiamenti specifici, si precisa. Più avanti si spiega anche che “per avere le proprie immagini è sufficiente scaricare l’app nel proprio smartphone e sciare in prossimità delle postazioni apposite”.

E questo è niente. Dopo aver scaricato la app nel proprio smartphone, sciando nelle vicinanze delle postazioni, il sistema trasferisce le foto automaticamente sul telefono o per e-mail per poterle condividere in tempo reale. Analoga attrattiva viene concessa ai possessori di skipass sulla pista della 3Tre a Madonna di Campiglio. “Passa il tuo skipass nel phototool”, precisano le istruzioni per l’uso, “e lanciati lungo una delle piste più famose di tutte le Dolomiti. Il sistema scatterà una foto alla tua partenza”. Che cosa ne dirà lassù Rolly Marchi che della Tre 3 (Tre Gare di Trento) fu l’inventore negli anni Cinquanta? Chi ha avuto la fortuna di essergli amico giura che sarebbe il primo a collaudare tali mirabolanti tecnologie per il gusto di invadere gli smartphone con il suo mitico cappellone da cow boy delle nevi. (Ser)

Commenta la notizia.