Sciacalli dorati, gatti selvatici… le Alpi si ripopolano

La presenza dei gatti selvatici è in aumento nei boschi italiani. Ne dà l’annuncio Piemonte Parchi. Elusivo e inavvicinabile, circondato ancor oggi da un alone di mistero per le sue apparizioni fugaci, un esemplare di gatto selvatico (Felis silvestris) è stato avvistato il 23 gennaio 2018 nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. Sempre a proposito di ripopolamento, si fa largo nelle Alpi un altro insolito abitante, lo sciacallo dorato. Come annuncia la newsletter AlpMedia della Cipra (Commissione internazionale per la protezione delle Alpi), dopo essersi diffuso in Italia, Svizzera e Austria, in marzo ha raggiunto il Liechtenstein. Originario del Medio Oriente e dell’Asia sud-orientale, in seguito al cambiamento climatico e per la mancanza di nemici naturali, questo canide poco più grande di una volpe rossa si sta diffondendo anche nello spazio alpino. Nell’antico Egitto era venerato come Anubi, divinità del mondo dei morti. Diamogli il benvenuto in questo 1° aprile. Anzi, in questa Pasqua di resurrezione.

Due giovani esemplari di Felis silvestri in un’immagine di Piemonte Parchi. Anche lo sciacallo dorato (foto in alto, tratta da AlpMedia, newsletter della Cipra) si sta diffondendo. E’ poco più grande di una volpe rossa.

Commenta la notizia.