La SAT e l’ambiente, rinnovato impegno

Quasi in contemporanea con l’avvio di un intenso 66° Filmfestival della montagna di Trento l’assemblea dei delegati della SAT ha rinnovato il Consiglio direttivo. La SAT è la più grande sezione del CAI, 27.000 soci. Sono solo 7 i nuovi entrati su 19 eletti, un dato che conferma la continuità del programma avviato sei anni fa dal presidente uscente Claudio Bassetti: una SAT attenta ai bisogni delle sezioni periferiche, protagonista nella difesa dei valori autentici della montagna trentina, sentinella dell’ambiente delle alte quote e coraggiosa nell’intensificare l’azione di rivalutazione dei rifugi alpini di sua competenza.

Anna Facchini, nuovo presidente Sat

Il nuovo Consiglio ha eletto la giunta esecutiva formata da sei membri. Presidente è stata eletta Anna Facchini, socia della SAT di Moena, già presidente della Commissione Tutela Ambiente montano, ispiratrice di corsi naturalistici nei rifugi, ancora oggi presidente della Commissione Cultura e della biblioteca, ideatrice dello Spazio Laboratorio, un luogo di dibattito e confronto ospitato dalla casa della SAT di Trento. Anna è una figura complessa del mondo satino, non classificabile in etichette schematiche, dotata di grande sensibilità ambientale, curiosa e sicuramente inquieta nell’approfondimento dei tanti saperi che il vivere la montagna alimenta. Accompagnata dall’amica Elena Guella (anche lei ex presidente della TAM) e da Roberto Bertoldi (dirigente della Provincia in pensione, molto vicino all’area governativa Dellai – Rossi), i due vicepresidenti, si propone di consolidare nella SAT percorsi di condivisione, di ascolto delle diverse anime sociali presenti, di fare gruppo ed evitare “fughe solitarie”. Nella conferenza stampa, accanto a questo obiettivo primario, ha sottolineato la necessità di confermare l’attenzione verso le politiche ambientali della Provincia e di investire in una azione culturale che permetta il recupero del camminare la montagna in modo delicato e consapevole. Un’ultima annotazione, la più importante: Anna Facchini è la prima donna presidente della SAT trentina. Si sono dovuti attendere 146 anni di storia perché un evento tanto significativo divenisse realtà.

Luigi Casanova

Vice presidente di Cipra Italia, presidente onorario di Mountain Wilderness

One thought on “La SAT e l’ambiente, rinnovato impegno

Commenta la notizia.