“Quartieri in quota” al festival della sostenibilità

La montagna incontra la scuola il 31 maggio a Milano in occasione del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2018, un’iniziativa di sensibilizzazione e di elaborazione culturale e politica diffusa su tutto il territorio nazionale, promossa dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS). Al centro della giornata, in programma dalle ore 9 presso la sede Comunale de La Casa delle Associazioni e del Volontariato del Municipio 1 (via Marsala 8), viene presentato il progetto “Quartieri in Quota – La montagna fa scuola” in una sessione plenaria dedicata a docenti, dirigenti scolastici, stakeholders, istituzioni e aziende private. Da più di tre anni il progetto educativo QinQ viene realizzato al quartiere Gratosoglio dalle associazioni Quartieri Tranquilli, Attraverso la Montagna e Piccolo Principe, in partnership con MountCity, il Collegio Guide Alpine Lombarde e il CAI. Dedicati a una selezione di studenti di scuole superiori di 1° grado, sono previsti il 31 maggio laboratori edutainment su 3 dei 17 Global Goals che l’ONU ha individuato per dare valore al futuro e a cui anche il progetto Quartieri in Quota si riferisce. I laboratori riguardano “Istruzione di qualità”, “Città e comunità sostenibili” e “Flora e fauna terrestre”.

Nicolò Bongiorno incontra al quartiere Gratosoglio i ragazzi che partecipano al progetto educativo “Quartieri in quota. La montagna fa scuola”. 

Particolare importante. Ai ragazzi è dedicato il 31 maggio a Milano anche un incontro sul corretto comportamento in montagna sulla scorta dell’iniziativa nazionale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico denominata “Sicuri sui sentieri”. Infine è prevista la presentazione di un Libro bianco che ripercorre la storia della “virtuosa educazione alpina”, dai famosi “viaggi a zig zag” dell’educatore svizzero Topfer nella prima metà dell’Ottocento alle Carovane scolastiche del Club Alpino Italiano preludio alle moderne esperienze di Alpinismo giovanile e alle più recenti Classes de neige che continuano a fare testo al di là delle Alpi.

Occorre aggiungere che il progetto “Quartieri in quota” intende contribuire, come auspicato dalla legge regionale 1075 per il “Riordino normativo in materia di attività motorie e sportive” (Bollettino Ufficiale n. 40, supplemento del 1 Ottobre 2014), alla diffusione delle pratica sportiva e motoria in ambito scolastico “anche quale strumento di contrasto al fenomeno della dispersione e dell’abbandono”.

Una veduta del quartiere Gratosoglio alla periferia sud di Milano.

 

http://festivalsvilupposostenibile.it/2018

http://www.quartieriinquota.it

Commenta la notizia.