Falcade paradiso… dei quad

Dopo l’edizione del 2017, torna la manifestazione “Quad in quota sulle Dolomiti”. Un lungo itinerario, attraverso il territorio di cinque comuni del Bellunese che arrecherà anche quest’anno un danno ambientale ad un territorio fragile e di unica bellezza. Questo si apprestano ad avvallare le amministrazioni interessate dal passaggio dei quad. I danni provocati dal passaggio dei quad dello scorso anno erano stati documentati con materiale fotografico da Mountain Wilderness, e condannati da Lega Ambiente, che ha conferito al Comune di Falcade la “bandiera nera”.

“Purtroppo”, annuncia un comunicato di Mountain Wilderness, “questo non è servito a fermare un ulteriore sfregio che quest’anno si ripeterà se qualche Amministrazione virtuosa non interverrà a in difesa del territorio che è chiamata a tutelare. Questi mezzi a motore provocano danni al manto erboso su pascoli e dissestano sentieri, inoltre portano rumore e inquinamento dell’aria in zone delicate di alta montagna. La povertà culturale di questo genere di manifestazioni è evidente. Inoltre, come dimostrato dai nostri atti presentati in Procura lo scorso anno, tale genere di raduno può ledere normative specifiche in materia di ambiente e paesaggio oltre che di sicurezza. Tutti aspetti con diretta rilevanza penale”.

Mountain Wilderness ha già inviato specifiche richieste di chiarimento al comune di Falcade e agli altri coinvolti dal passaggio del raduno; come unica risposta, ha ottenuto che le Amministrazioni comunali inviassero la richiesta al responsabile organizzativo della manifestazione “Quad in quota”. Questo la dice lunga sulla serietà con cui i comuni siano responsabilizzati sui danni all’ambiente, al patrimonio culturale e alla sicurezza delle persone che a vario titolo frequentano il territorio. Il comportamento delle Amministrazioni è discutibile probabilmente anche sotto l’aspetto legale, certamente lo è dal punto di vista etico e morale.  Visto l’approssimarsi dell’evento, il presidente di Mountain Wilderness Franco Tessadri chiede un intervento urgente da parte della Procura affinché faccia rispettare le leggi e alla libera stampa, affinché informi i cittadini di come le Amministrazioni si facciano beffe dei propri doveri.

 

 

2 thoughts on “Falcade paradiso… dei quad

  • Pingback: Progetto Ci-Và

  • 05/06/2018 at 17:30
    Permalink

    PAROLE… PAROLE… SOLTANTO PAROLE! Un anno è trascorso, ma nulla è cambiato! COMUNE – PROVINCIA REGIONE -STATO – MINISTRO – 80 ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE RICONOSCIUTE – NULLA! SFACCIATAMENTE SI RIPROPONE QUESTO EVENTO! E I MASS MEDIA LO HANNO RACCONTATO O PUBBLICATO? MENEFREGHISMO ASSOLUTO! POVERO MONDO!

    Reply

Commenta la notizia.