Il Devero tra i “luoghi del cuore”

Il Comitato Pro Devero annuncia una nuova opportunità per far conoscere e tutelare le bellezze dell’Alpe Devero minacciate da nuovi progetti funiviari per “avvicinare le montagne”. La meravigliosa area protetta delle Alpi Lepontine è stata infatti iscritta tra “I luoghi del cuore del Fai”. Intanto ha superato le 65 mila firme la petizione lanciata sulla piattaforma change.org per fermare lo scempio annunciato. Un numero che dovrebbe far riflettere chi, in Regione Piemonte, con troppa leggerezza ha assecondato il progetto.

“L’Alpe Devero”, si legge nel sito del Fondo Ambiente Italiano, “è il cuore di un ambiente alpino meraviglioso. Mirabile incrocio tra montagne aspre e dolci, orizzonti sconfinati e incontaminati; lariceti, acque e pascoli; insieme selvaggio e naturalmente ospitale, godibile da tutti. Un unicum di ambiente e cultura alpina in un sistema di aree protette, specificità di minerali, vegetazione e fauna di particolare pregio. Situato in Alta Val d’Ossola a partire da circa 1.600 metri di quota, gran parte del territorio del Devero è protetto dal Parco Naturale Veglia – Devero e inserito nella Rete Natura 2000 istituita dalla Unione Europea”.

“Ambiente di una bellezza toccante”, è poi spiegato, “accessibile e amato, d’estate e d’inverno, da qualsiasi escursionista che percorra le montagne godendone il silenzio, i fiori, gli incontri con camosci, marmotte, aquile e cervi. Agricoltori, produttori e esercenti lungimiranti hanno sviluppato forme di produzione e ospitalità tradizionali e ecocompatibili. Sapientemente non è stato intaccato da invadenti strutture turistiche: una seggiovia, due skilift, qualche locanda, un negozio di alimentari e stagionalmente la rivendita di prodotti pastorali. E anche questo ne preserva i suoi valori naturali e ambientali”.

“Questo patrimonio inestimabile”, è la conclusione, “viene oggi minacciato dal progetto di trasformazione in un comprensorio turistico imperniato sullo sviluppo di impianti a fune e interventi immobiliari che porterebbero allo snaturamento di questa meravigliosa porzione delle Alpi…A chi l’ha conosciuta, l’Alpe Devero rimane nel cuore. Che sia preservata come è arrivata a noi e come tale venga tramandata ai nostri figli”.

Nato nel 2003, il progetto “I luoghi del cuore” del Fondo Ambiente Italiano mira a coinvolgere concretamente tutta la popolazione, italiana e non, invitandola a segnalare luoghi italiani che sente particolarmente cari e importanti e che vorrebbero fossero ricordati e conservati intatti per le generazioni future. Attraverso il censimento il Fai sollecita le Istituzioni locali e nazionali competenti perché riconoscano l’interesse dei cittadini italiani verso le bellezze locali e mettano a disposizione le forze necessarie per il recupero di uno o più luoghi segnalati.

L’intatta Val Buscagna, nell’area protetta del Devero, come appare nel sito del Fai dove è possibile votare per i “luoghi del cuore”.

Commenta la notizia.