Castiglioni chi? Nel paese natale ignorato l’eroe della Resistenza

La targa dedicata a Castiglioni nel 110° anniversario dalla nascita.

A Ruffré, un comune di 424 abitanti della Val di Non nei pressi della Mendola, non c’è posto per l’eroe della Resistenza Ettore Castiglioni che in questo ridente paese del Trentino è nato 110 anni fa. A quanto si apprende dal quotidiano Alto Adige del 13 settembre 2018, l’amministrazione comunale ha infatti negato l’autorizzazione al posizionamento di un piccolo monumento a lui dedicato su suolo pubblico. Nessuno, d’accordo, è profeta in patria. Ma questa volta il provvedimento, di cui peraltro non conosciamo le motivazioni, non fa onore ai suoi compaesani. Amante della musica, dell’arte e delle montagne, Castiglioni fu uno dei più forti alpinisti del periodo prebellico. La sua passione per le scalate, in particolare nel Brenta e nelle Dolomiti, lo portò ad aprire più di 200 nuove vie nell’intero arco alpino. Ma questi evidentemente a Ruffré non sembrerebbero requisiti sufficienti per riservargli un sia pur piccolo spazio in una pubblica piazza. Purtroppo, nel clima dei tempi in cui viviamo e che assomiglia sempre più agli anni Trenta, viene da pensare che per certi pubblici amministratori possa risultare una pecca il fatto che, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, Castiglioni abbia aderito alla Resistenza e al CLN. Come puntualmente racconta lo storico Marco Albino Ferrari in due approfondite biografie, Castiglioni organizzò infatti un gruppo partigiano in una malga sull’Alpe Berio che in Valpelline si affaccia sulla pittoresca conca di By. La posizione strategica a ridosso del confine italo-svizzero e l’esperienza alpinistica del gruppo permise di mettere in salvo oltre confine centinaia di antifascisti, tra i quali Luigi Einaudi che poi sarebbe diventato Presidente della Repubblica, e diversi ebrei perseguitati dalle leggi razziali fasciste. Ce n’è a sufficienza per dedicargli un piccolo monumento?

La conca di By in Valpelline dove Ettore Castiglioni mise in salvo nel 1943 centinaia di antifascisti, tra i quali Luigi Einaudi, ed ebrei perseguitati. Ph. Serafin/MountCity

Dopo che gli è stata negata ospitalità nelle vie del paese natale, Castiglioni è stato però, e per fortuna, ugualmente celebrato a Ruffé il 28 agosto: tutto ciò in un’area privata di proprietà del signor Paolo Vita, a quanto ci informa l’Alto Adige. Alla cerimonia che si potrebbe definire in stile alpino hanno partecipato un gruppo di alpinisti (Sergio Martini, Carlo Claus, Luca Giupponi, Franco Sartori e Renato Larcher) e alcuni intellettuali tra i quali il presidente dell’Anpi Mario Cossali, la studiosa Maria Luisa Crosina, Roberto Piccoli presidente per molti anni del Cai di Tregnago, sezione “Ettore Castiglioni”, Alessandro De Bertolini, ricercatore della Fondazione Museo Storico di Trento ed inoltre rappresentanti dell’Alpenverein, del CAI di Bolzano, Walter Manzi della sezione SAT di Fondo e i nipoti di Castiglioni, Alessandro Tutino e Luigi Galletto. C’è solo da stupirsi che questo increscioso episodio sia venuto a galla diversi giorni dopo, e che nessuno abbia finora (che si sappia) espresso una parola di rincrescimento per tanta indifferenza nei confronti di un italiano giusto. (Ser)

2 thoughts on “Castiglioni chi? Nel paese natale ignorato l’eroe della Resistenza

  • 18/09/2018 at 18:23
    Permalink

    sarebbe stato sufficiente anche solo una targa (adesso si possono fare anche con materiali diversi,più estetici)
    ma credo che, con l’aria che tira dove si tende a cancellare qualsiasi forma di solidarietà,passata e presente,non si possa pretendere molto.
    Una volta si bruciavano i libri oggi si brucia la memoria.

    Reply
  • 18/09/2018 at 15:50
    Permalink

    Il rifiuto del comune di Ruffrè mi sembra giustificato. L’attività di Castiglioni che permise a molte persone di espatriare è comune a molte altre persone e si svolse in Val d’Aosta. Castiglioni è noto invece come forte alpinista e autore di guide, ma non è pensabile che tutti gli alpinisti di pari valore abbiano diritto a un monumento pubblico.

    Reply

Commenta la notizia.