Città alpine: Morbegno è promossa

La notizia che Morbegno è stata nominata “Città Alpina dell’anno 2019” non può che rallegrare i tanti milanesi che amano far sosta, salendo verso le “loro” montagne, nella piccola cittadina della Valtellina vicina al lago di Como. “La città dimostra una grande disponibilità a collaborare con le aree circostanti. I servizi che Morbegno offre come destinazione chiave per la regione sono molto diversificati. Inoltre, Morbegno ha affrontato in modo approfondito i temi della Convenzione delle Alpi e rivela elementi costitutivi promettenti per il futuro”, hanno spiegato i membri della giuria che l’ha promossa. La cittadina di Morbegno segue così la Città Alpina Bressanone ed è la terza in Lombardia a meritare questo onore dopo Lecco e Sondrio.

La storica bottega dei fratelli Ciapponi. Più sopra Morbegno in festa (ph. Serafin/MountCity)

Con il premio “Città alpina dell’anno”, Morbegno diventa membro dell’omonima associazione. Quest’ultima si impegna a favore di uno sviluppo socialmente compatibile e rispettoso della natura dello spazio alpino. La nuova “Città Alpina dell’anno” si concentra sui valori locali: promuove l’agricoltura regionale e i suoi prodotti. Va segnalato che nel centro storico, la storica Bottega dei Fratelli Ciapponi è facilmente riconoscibile dall’antica insegna “Drogheria – Granaglie – Formaggi – Cordami”. Ma si è soprattutto stupiti dal retrobottega, un sorprendente susseguirsi di volte, colonne e cantine dove sono conservati le forme di Bitto DOP d’annata, invecchiate fino a dieci anni, i Valtellina Casera DOP, i salumi, i vini Valtellinesi e le grappe. Morbegno è anche città amata dagli alpini. Il Battaglione Morbegno fu il primo a sperimentare la divisa grigio-verde. La divisa alpina era infatti inizialmente degli stessi colori dell’esercito piemontese: giubba turchina e pantaloni bianchi, cosa che non consentiva certo una buona mimetizzazione in ambiente montano.

www.cittaalpina.org

Commenta la notizia.