Battesimo per “Lumen”. E le Dolomiti stanno a guardare

Un gioco di specchi che proietta nella natura delle Dolomiti. Un bookshop e un ristorante panoramico con annesso progetto gastronomico. Una vista mozzafiato sulla conca di Brunico e la corona di cime che la circondano. Sono questi gli elementi che fanno di “Lumen”, l’ex stazione della Kronplatz a monte della funivia di Plan Corones in Val Pusteria, un polo di attrazione ad alta quota in grado di rivaleggiare con la Skyway del Monte Bianco definita dai valdostani l’ottava meraviglia del mondo. Non più solo sci dunque, il turismo invernale si evolve e sposa la cultura. A 2265 metri il fil rouge che collega tutti gli eventi è la fotografia della montagna. “Il museo vuole coinvolgere un pubblico di tutte le età anche grazie all’ausilio della realtà virtuale”, spiega la direttrice Thina Adams. “Quello che secondo me rappresenta meglio Lumen è lo shutter collocato dove c’era il vecchio ingresso della funivia, una grande vetrata circolare che si apre e si chiude continuamente come un otturatore. Quando è chiuso, sullo shutter viene proiettato un film sulla montagna, mentre una volta aperto il visitatore può perdersi nella meravigliosa vista sulle Dolomiti. È l’unione perfetta di tecnologia e natura”.

L’esterno del museo a Kronplatz. Nella foto di apertura giochi di specchi al suo interno.

È tra l’altro dedicata a Reinhold Messner la mostra permanente “Messner meets Messner” by Durst, partner del museo insieme con Red Bull, il brand coinvolto per il concorso di fotografia sportiva “Adventure” di cui vengono riproposti gli scatti sotto forma di installazioni multimediali nella sala Adrenaline Raum. Il Wall of Fame è dedicato ai pionieri della fotografia di montagna come i fratelli Bisson, Joseph Tairraz, Bernhard Johannes, Jules Beck e Vittorio Sella. A breve, Lumen e il circuito Mountain Messner Museum avvieranno una collaborazione con l’obiettivo di arricchire le proprie esposizioni. Tra i partner anche l’Archivio tirolese per la documentazione fotografica e l’arte (Tap), centro di raccolta, digitalizzazione e presentazione delle immagini storiche.

www.lumenmuseum.it

Commenta la notizia.