Guide vulcanologiche, un milanese per presidente

Il milanese Cesare Cesa Bianchi è il nuovo presidente delle Guide alpine e vulcanologiche della Sicilia. Ne dà notizia il Collegio Nazionale Guide Alpine Italiane con un comunicato del 24 gennaio 2019 che volentieri pubblichiamo.

Cesare Cesa Bianchi

Di casa su Etna e Stromboli. Il Consiglio direttivo del Collegio regionale delle Guide alpine e vulcanologiche della Sicilia, riunitosi a Linguaglossa (Catania) mercoledì 23 gennaio, ha eletto la Guida alpina Cesare Cesa Bianchi presidente, la Guida alpina Francesco Emmi vice presidente, Giuseppe Amendolìa rappresentante delle guide vulcanologiche e la Guida alpina Filippo Emmi tesoriere. Nato a Milano il 2 luglio 1950, laureato in matematica, Cesare Cesa Bianchi è Guida alpina dal 1980 e Guida alpina istruttore dal 1983. In passato ha rivestito l’incarico di presidente della Commissione Tecnica Nazionale del Co.Na.G.A.I. (Collegio nazionale Guide alpine italiane) per quindici anni. È stato vice presidente della Commissione tecnica dell’Unione Internazionale delle Associazioni Guide di Montagna (U.I.A.G.M.) e vicepresidente dell’U.I.A.G.M. dal 2012 al 2014, ricevendo l’ambito titolo di membro onorario della stessa. Dal 2012 al 2018, per due mandati, è stato presidente del Co.Na.G.A.I. Tuttora è membro del Consiglio direttivo del Co.Na.G.A.I. ed è stato di recente nominato rappresentante per l’Italia nel board dell’U.I.A.G.M. Guida alpina di grande esperienza, organizza e realizza programmi di alpinismo e scialpinismo sulle montagne di tutto il mondo con l’associazione “Mountain Kingdom”, da lui creata.

“Affettivamente sono molto legato alle Guide alpine e alle Guide vulcanologiche siciliane”, ha dichiarato il neoeletto presidente. “Ho seguito personalmente la formazione delle prime Guide vulcanologiche e sono sempre rimasto in contatto con loro, continuando a portare con piacere i miei clienti sull’Etna e sullo Stromboli. In questo momento di difficoltà del Collegio regionale della Sicilia mi sono quindi sentito in dovere di dare una mano. L’obiettivo è di mettere a disposizione le mie competenze e l’esperienza di questi ultimi anni, operando in accordo con le guide alpine e vulcanologiche siciliane, per ultimare il passaggio da una realtà associativa a un vero e proprio collegio professionale, completando e implementando le regolamentazioni alla base della costituzione in ordine professionale. Dobbiamo imparare a lavorare come Enti pubblici, come stiamo facendo in tutte le regioni italiane e a livello nazionale”.

“Sono certo che una guida dell’esperienza di Cesa Bianchi saprà garantire la funzionalità del Collegio regionale delle Guide alpine e vulcanologiche della Sicilia. Avendo come riferimento la legge nazionale numero 6 del 1989, saprà armonizzare le differenze tra le due realtà nazionale e regionale”, conclude Pietro Giglio, presidente del Co.Na.G.A.I.

Commenta la notizia.