Niente stupidaggini, per favore

“Buona domenica a tutti e spero che nessuno sia andato a fare… stupidaggini in montagna”. Questo scrive il 3 febbraio Bruno Zannantonio del Cai da tempo volontariamente dedito con molti meriti alla segnalazione agli interessati di eventi e misfatti in montagna. In allegato la notizia di cinque sciatori travolti da una valanga sul Pordoi mentre il maltempo di questi giorni imperversava. Ovvio che tutte le persone raziocinanti sperino che, finché la neve non si assesta, non ci siano altre chiamate del Soccorso alpino. Dal Corriere delle Alpi si apprende che il gruppo si trovava fuori dalla pista e nessuno aveva artva, pala e sonda. I cinque, che stavano sciando nella zona del Passo Pordoi, in località Belvedere, erano usciti dalla pista in neve fresca quando è avvenuto il distacco che ha travolto uno di loro, uno sciatore di Canazei (Trento). Gli amici sono riusciti a individuare il punto in cui si trovava mentre sopraggiungeva il personale dell’assistenza piste e del Soccorso alpino. Per il maltempo l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, decollato non appena è scattato l’allarme, è riuscito ad arrivare solo fino ad Arabba, dove la jeep del Soccorso alpino era pronta per il trasporto a monte di personale medico, unità cinofila e tecnico di elisoccorso. Fortunatamente i soccorritori sul posto sono riusciti ad estrarre lo sciatore dalla neve. Nessuna spiacevole conseguenza. L’elicottero è quindi rientrato.

Il Soccorso alpino ricorda il persistere in questi giorni dell’elevato pericolo di valanghe e invita alla massima prudenza, sconsigliando vivamente escursioni di qualsiasi tipo dato anche il rischio di probabili distacchi spontanei che potrebbero interessare vie di comunicazione e aree sciistiche. Risulta di fondamentale importanza la dotazione dei dispositivi di autosoccorso, Artva, pala e sonda, anche per muoversi su itinerari consueti, strade forestali, sentieri.

One thought on “Niente stupidaggini, per favore

  • 04/02/2019 at 11:37
    Permalink

    “Strage di sciatori nel week end“, titola lunedì 4 febbraio 2019 il quotidiano La Repubblica. Si contano sei vittime. Sono serviti a qualcosa gli appelli del Soccorso alpino alla prudenza in presenza di neve instabile e vento forte?

    Reply

Commenta la notizia.