Sentieri sconvolti per 1800 chilometri

Dei 5.500 chilometri di sentieri presenti sulle montagne trentine, un terzo non è percorribile. Sono 1.800 i chilometri che risultano danneggiati dal maltempo dell’autunno scorso: una distanza enorme, all’incirca come quella che separa Milano e Lisbona in Portogallo. Una situazione disastrosa non esitano a definirla i responsabili della Società Alpinisti Tridentini che si prendono cura, come volontari, della rete sentieristica. Fortemente danneggiata è soprattutto la fascia boscata, dove in molte parti non è possibile passare per la presenza di alberi a terra. Sul sito della Sat viene in ogni modo riportato lo stato dei singoli sentieri. La priorità è ora quella di consentire al turista di raggiungere agevolmente i rifugi quando in primavera inizierà la stagione.

Commenta la notizia.