Milano si veste alla montanara

Da quando è in corso la scalata ai Giochi invernali 2026, a Milano si respira una certa aria di montagna. In maggio tre importanti eventi ne fanno, con la benedizione della Madonnina, una sia pur provvisoria capitale delle Alpi con i contributi degli Alpini, della Commissione per la protezione delle Alpi e del Club Alpino Italiano. Dal 10 al 12 maggio è in programma la 92ª Adunata Nazionale Alpini. Come molti sanno, l’ANA nacque proprio nel capoluogo lombardo l’8 luglio 1919. Per Milano si tratta della quarta adunata dopo quelle del 1959, 1972 e 1992. “La solidarietà, la laboriosità e la sobrietà sono valori alpini che Milano da sempre fa propri, condividendo quindi in pieno lo spirito di sacrificio e abnegazione di cui gli Alpini sono testimonianza”, ha scritto il sindaco Giuseppe Sala sulla sua pagina Facebook.

Al turismo sostenibile nelle Alpi è invece dedicato un seminario il 14 maggio dalle 14.30 alle 17 presso la Sede centrale del CAI in via Petrella 19. La Commissione per la protezione delle Alpi presenta in questa circostanza il progetto Tu.S.Alp. Al simposio si parla di “turismo alpino sostenibile: un laboratorio di pratiche di sostenibilità nelle Alpi italiane” nel quadro delle attività del Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Segretariato Permanente della Convenzione delle Alpi per la “Cooperazione per l’attuazione dei Protocolli della Convenzione delle Alpi nel territorio della Repubblica Italiana”.

Delegati da tutta Italia si danno infine appuntamento sabato 25 e domenica 26, in concomitanza con le elezioni per il Parlamento europeo, per l’Assemblea dei Delegati 2019, organo sovrano del Club Alpino Italiano. L’assemblea, che si svolge al Conservatorio “Giuseppe Verdi”, è chiamata quest’anno a rinnovare il mandato al Presidente generale Vincenzo Torti, avvocato milanese, classe 1950. Torti è stato in carica nel triennio 2016-2019 e il suo mandato è rinnovabile per altri tre anni. Un altro autorevole socio milanese sale alla ribalta dell’assemblea. Si tratta di Gabriele Bianchi, istruttore nazionale di scialpinismo, “penna nera” appassionata, già presidente generale del sodalizio fondato da Quintino Sella, del quale viene proposta la nomina a socio onorario. Analoga onorificenza viene proposta per Roberto De Martin che nel CAI ha ricoperto cariche importanti, dalla presidenza generale alla presidenza del TrentoFilmfestival. Due le medaglie d’oro riservate rispettivamente a Gian Paolo Boscariol e Alessandro Giorgetta.

Gabriele Bianchi, istruttore milanese del Cai, viene proposto all’Assemblea dei delegati quale socio onorario del sodalizio fondato da Quintino Sella. In apertura gli alpini in sfilata all’adunata di Asti nel 2016.

Commenta la notizia.