Penne nere. Sfila la reliquia del mulo

Per l’Adunata del Centenario, con sfilata domenica 12 maggio in piazza Duomo a Milano, sono attese 500 mila penne nere e fin d’ora i bene informati sono convinti che gli applausi più fragorosi saranno per Vulcano, Milam, Marna e Dora, i quattro muli del Reparto Salmerie di Vittorio Veneto, che si onorano di simboleggiare l’eredità dei veri muli alpini, qual era Iroso (nella foto), morto nei giorni scorsi all’età di 40 anni pari a 120 degli umani. Iroso era ed è ritenuto l’icona dell’alpinità. Sarà rappresentato alla sfilata da un oggetto che lo simboleggia, la cavezza, quella corda in cuoio che gli cingeva la testa in modo che il conducente potesse meglio accompagnarlo. In sfilata la reliquia sarà deposta in un cuscino rosso. A portarla dovrebbe essere Antonio De Luca impresario forestale, che nel 1993 salvò Iroso dal macello. Nessuno in questa circostanza appare più degno di lui. Buona sfilata, cari alpini! (Ser)

Commenta la notizia.