Così cresce Cervinia

Cervinia si è battuta contro Carloforte in Sardegna nella terza puntata dell’originale derby “SummerGame 24” lanciato questa estate dal Sole 24 Ore. E’ stata la giornalista Filomena Greco a fare il punto sulle potenzialità della località alpina sul giornale di venerdì 2 agosto. La cifra principale del turismo anche a Cervinia come in tante altre località delle Alpi, risulta che sia lo sport. “E lo è ancora di più”, spiega la Greco, “alla luce degli investimenti messi in campo negli ultimi anni da gruppi svedesi per le strutture ricettive e dalla Svizzera, invece, per gli impianti di risalita. “Le iniziative degli ultimi anni”, racconta alla giornalista la presidente del Consorzio Cervino Turismo Monica Meynet, “stanno cambiando il volto dell’intero comprensorio. I duemila metri sono molto appetibili per i tour operator stranieri, si tratta di altitudini che garantiscono un buon livello di innevamento e stagioni sciistiche garantite”. In base all’ultima rilevazione sulla stagione invernale si scopre (si fa per dire) che i turisti stranieri nel comprensorio sono più del doppio degli italiani e che nella classifica dei paesi maggiormente presenti, dopo gli inglesi ci sono gli svedesi.

L’interesse dunque resta alto e questo garantisce un profilo internazionale al comprensorio valdostano che, assieme al Monte Bianco, l’anno scorso ha messo a segno una stagione record, con un flusso turistico aumentato del 6%, come rilevano i dati dell’Osservatorio della Regione Autonoma, con un tasso di occupazione netta pari al 37%, il più alto di tutta la Valle d’Aosta. Un secondo fronte di potenziale sviluppo per Cervinia guarda infine alla Val d’Ayas e alla possibilità di creare un collegamento in quota tra i comprensori del Cervino e del Monte Rosa, a loro volta collegati al versante svizzero verso Zermatt. Purtroppo il progetto andrebbe a interessare l’incontaminato vallone delle Cime Bianche e trova opportunamente l’opposizione delle associazioni ambientaliste. Ma già si annuncia persa la battaglia per l’integrità dell’ambiente a fronte degli interessi campo in questa Cervinia sempre più sottomessa a interessi inglesi, svedesi, svizzeri e chi più ne ha più ne metta. (Ser)

Commenta la notizia.