Apuane irripetibili

Elia Pegollo

“Apuane, montagne irripetibili” è il titolo di un’esposizione aperta fino al 15 settembre al Palazzo Ducale di Massa. Ne è autore Elia Pegollo dell’Associazione “La Pietra Vivente”, animatore culturale, poeta, fotografo che da anni si batte per l’integrità di ciò che resta nelle Apuane soggette al sempre più aggressivo e devastante operare delle cave di marmo. Scatti bellissimi sono quelli di Pegollo, a suo tempo vincitore a Milano del Premio Marcello Meroni, che riguardano due temi: i fiori e l’acqua. Premessa. Circa la metà delle 5600 specie di fiori esistenti in Italia si trovano non a caso nelle Apuane: un patrimonio straordinario. L’acqua delle Apuane è invece soggetta all’inquinamento della cosiddetta marmettola provocata dalle cave. Pegollo racconta le Apuane nello scorrere delle stagioni. Durante l’apertura della mostra quattro sono gli eventi collaterali in programma il venerdì sera alle 21. Si parte il 23 agosto con l’intervento di Andrea Rebolini dell’Orto botanico di Pian dalla Fioba che parlerà della flora apuana; il 30 agosto sarà la volta dell’ambientalista Alberto Grossi; il 6 settembre concerto a cura dell’Associazione musicale Diapason; infine il 13 settembre Franca Leverotti affronta il tema “Verso i piani di bacino”.

Commenta la notizia.