Pazza estate. Il serpente di nuvole che invade l’Engadina

A Milano l’anticiclone africano in questo scorcio di agosto fa schiattare dal caldo, mentre i milanesi che si rifugiano in Engadina battono i denti per l’invasione di correnti artiche. Il pittoresco maltempo quassù è comunque propizio per ammirare un insolito spettacolo: il serpente di nuvole che si allunga pigramente sui laghi. No, non stiamo parlando di un essere mostruoso come Nessie che vivrebbe nel lago di Lockness, ma di un evento atmosferico molto particolare. Il serpente, che sguscia dal Maloja e se ne va verso Sils, Silvaplana e Sankt Moritz, mountcity lo ha fotografato al suo passaggio da Silvaplana prima che una folata di vento lo riducesse a poche misere nuvolette sfilacciate. A proposito. Nel film “Sils Maria”, presentato nel 2014 a Cannes e interpretato da Juliette Binoche, il serpente rifletteva lo stato d’animo dell’inquieta protagonista. Quello visto nel film era però un rettile d’annata, desunto dal documentario “Das Wolkenphänomen von Maloja” realizzato nel 1924 dal tedesco Arnold Fanck, un padre del Bergfilm di cui fu maestro Luis Trenker. Con piacere va segnalato che più di novant’anni dopo, il “serpente del Maloja” continua a rappresentare una simpatica anche se rara attrazione dell’”allegra Engadina”. (Ser)

Commenta la notizia.