Gli allegri spazzacamini delle Centovalli

Un mestiere duro, nero e antico, quello dello spazzacamino, oggi protagonisti di un evento in grado di richiamare ogni anno migliaia di visitatori da tutta Italia e non solo. Il Raduno Internazionale dello Spazzacamino, in calendario ogni anno a Santa Maria Maggiore (VB), intende celebrare l’autenticità di un mestiere oggi tutelato e moderno, ma nel recente passato legato anche a vicende drammatiche. Più di mille spazzacamini, accompagnati dagli attrezzi del mestiere, colorati di fuliggine sui volti e con gli abiti di lavoro tradizionali (tutti neri, tranne per la delegazione olandese, che si differenzia da sempre con la propria divisa di un candido bianco), tornano in Italia da tutto il mondo: scelgono una particolare valle italiana, la Val Vigezzo, la valle degli spazzacamini, appunto. Da qui emigranti vigezzini, giovani e giovanissimi, partirono alla ricerca di fortuna e di lavoro, non solo nelle pianure del Nord Italia, ma anche e soprattutto all’estero.

Oggi il Raduno, giunto alla 38esima edizione, è uno degli eventi tradizionali più amati del nord Italia. Germania, Svizzera, Finlandia e Svezia le nazioni più rappresentate nella grande sfilata di domenica 1 settembre (previste anche corse speciali della Ferrovia Vigezzina-Centovalli da Domodossola e da Locarno per raggiungere Santa Maria Maggiore senza problemi di traffico e parcheggio, info su www.vigezzinacentovalli.com), ma gli uomini neri arrivano abitualmente anche dai Paesi dell’est Europa, così come da quelli scandinavi, da Stati Uniti, Giappone e Russia.

L’evento è organizzato dall’Associazione Nazionale Spazzacamini con la collaborazione del Comune di Santa Maria Maggiore e della Pro Loco di Santa Maria Maggiore. L’edizione 2019 è realizzata con il supporto dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte, del Museo Regionale dell’emigrazione vigezzina nel mondo e del Consiglio Regionale del Piemonte, e con il patrocinio di Confartigianato Imprese Piemonte Orientale, dell’Associazione Musei dell’Ossola e della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola. Dalla Valle Vigezzo generazioni di emigranti spazzacamini partirono lungo i sentieri che portavano verso Francia, Germania, Austria ed Olanda e i loro sacrifici furono enormi. Nel 1800 lo sfruttamento dei bambini fu una delle pagine più drammatiche di questo rapporto tra uomo e fuliggine. Tradizioni, storie autentiche e dai risvolti a volte tremendi che possono e devono essere riscoperte (anche grazie alla visita al Museo dello Spazzacamino di Santa Maria Maggiore, che ogni anno accoglie più di 10.000 visitatori), colori e profumi di un tempo, un salto nel passato ed anche nel futuro di un mestiere importante e oggi tutelato. Insieme ad un pizzico di goliardia e divertimento, un mix di ingredienti che consente al Raduno Internazionale dello Spazzacamino di rinnovare ogni anno la magia e suggestione di un evento unico al mondo.

Il programma 2019

Venerdì 30 agosto. Ore 17.00 nel Parco di Villa Antonia di Santa Maria Maggiore verrà dato il benvenuto agli spazzacamini. Alle ore 23.30 il centro di Santa Maria Maggiore sarà illuminato dai fuochi pirotecnici del grande spettacolo offerto dalla locale Pro Loco e visibile dalla centralissima Piazza Risorgimento.

Sabato 31 agosto. A Malesco: ore 10.30 ritrovo al Monumento allo Spazzacamino. A Villette: ore 15.00, in collaborazione con Comune e Pro Loco, alla scoperta di Villette, il più piccolo paese della Val Vigezzo. ore 20.00 Serata a Santa Maria Maggiore a cura della Pro Loco con un punto di ristoro attivo nel Parco di Villa Antonia, accanto alla sede del Museo dello Spazzacamino, e musica dal vivo fino a tarda notte: una serata da trascorrere ovviamente insieme agli spazzacamini, tra balli e degustazioni.

Domenica 1 settembre A Santa Maria Maggiore: dalle ore 10.00 si terrà l’evento clou dell’intera manifestazione: tra le vie e piazze di Santa Maria Maggiore la scenografica sfilata di oltre mille spazzacamini con i loro attrezzi da lavoro, accompagnati da gruppi folcloristici e numerose bande musicali. Le varie delegazioni sfileranno per le vie di Santa Maria Maggiore, passando nella suggestiva Piazza Risorgimento, dove saranno presentate al pubblico, e, dopo un ultimo giro nel centro storico, termineranno la sfilata in Piazza Gennari. Successivamente avrà luogo la rievocazione storica della pulitura dei camini con l’utilizzo degli attrezzi che lo spazzacamino usava nei tempi passati: la raspa, una spatola di ferro col manico ad uncino da appendere alla cintura dei pantaloni; il riccio, insieme di lamelle a raggiera ricavate dalle molle di sveglie e orologi da campanile; la squareta, bastone allungabile alla cui sommità si agganciava il riccio; il brischetin; lo scopino; una lunga fune; dei pesi; il sach, sacco per riporre la fuliggine. I tetti delle abitazioni di Piazza Risorgimento e Piazza Gennari si popoleranno di spazzacamini che, con i vecchi attrezzi, rievocheranno i rüsca di un tempo nel lavoro di pulitura del camino e nell’aria riecheggerà il Taròm, il gergo dello spazzacamino. Dalle ore 16.00 concerto dell’Accademia Big Band nel Parco di Villa Antonia. A seguire un momento di incontro tra le delegazioni di spazzacamini con interviste, premiazioni e ricordi di questo antico mestiere.

Lunedì 2 settembre Spazzacamini in visita a Stresa, splendida cittadina sul Lago Maggiore. La giornata di lunedì costituisce un’importante operazione turistica per far conoscere le bellezze naturali e i centri più affascinanti del territorio agli spazzacamini ospiti – italiani e stranieri. ore 16.00 Sfilata dal lungolago al centro di Stresa.

Informazioni e dettagli del programma su www.santamariamaggiore.info e

https://www.facebook.com/santamariamaggioreturismo/

Commenta la notizia.