Inaccettabile il raduno dei quad? E loro fanno il bis

“Questo raduno rappresenta un precedente inaccettabile: i quad attraverseranno strade forestali, ambiti di pascolo, radure umide di alta quota”, osservava nel 2017 Mountain Wilderness a proposito del raduno di quad nella valle del Biois. Parole al vento. I quadricicli non si sono nel frattempo estinti per cause naturali. Anzi, ritornano trionfalmente nelle Dolomiti nel week end del 12 e 13 ottobre 2019 per il tour 4×4 denominato “Quad in quota” con la benedizione della Fondazione Dolomiti Unesco. Ormai è un assalto generalizzato alle montagne dell’Unesco, senza alcun freno.

Dopo le jeep a San Martino di Castrozza, le Dolomiti sempre più si aprono a queste iniziative che provocano danno ambientale e d’immagine e gettano discredito anche sulla Fondazione Unesco. “Per l’evento si è scelto ancora il teatro naturale della Valle del Biois, in provincia di Belluno”, annuncia enfaticamente Radiopiù, “una perla circondata dalle più famose cime dolomitiche: le Pale di San Martino, le Cime d’Auta, il Civetta, il Pelmo, l’Agner e la Marmolada. Quale scenario migliore per un tour guidato sulle quattro ruote en plein air? Il campo-base quest’anno è allo Sport Hotel Cristal di Falcade, la cui proprietà si è messa a disposizione per la riuscita dell’evento. La domenica il gruppo fa tappa a Malga Stia in Val Gares e il pranzo domenicale viene ospitato all’Arena 1082 di San Tomaso Agordino. Confermati anche i momenti culinari, con tappe alla malga Le Buse, in una baita privata e poi la cena all’Hotel Cristal…”.

“Questa iniziativa”, è il commento del Consiglio direttivo di Mountain Wilderness, “va ad aggiungersi al raduno delle Jeep di San Martino di Castrozza, al concerto di Jovanotti a Plan de Corones e agli elicotteri ospitati nel cuore delle Dolomiti. Contemporaneamente il lavoro svolto dai volontari soci sostenitori di Dolomiti Unesco, Mountain Wilderness e CAI, teso a limitare gli eccessi di simili volgari eventi, è rimasto nel cassetto della Fondazione. Una straordinaria coerenza della istituzione nel tutelare il Patrimonio del Mondo. Una caduta totale di credibilità della Fondazione stessa”. (Ser)

Per saperne di più: http://www.radiopiu.net/wordpress/quad-in-quota-piu-forte-di-vaia-torna-in-val-del-biois-il-tour-4×4-delle-dolomiti/

Come risulta dalla locandina, la Fondazione Dolomiti Unesco sta incredibilmente dalla parte dei quad e della sistematica invasione tra i Monti Pallidi di questi rombanti veicoli fuoristrada.

2 thoughts on “Inaccettabile il raduno dei quad? E loro fanno il bis

  • 18/10/2019 at 08:43
    Permalink

    Come segnala il 18 ottobre 2019 in FB Alessandro Ghezzer, quelli che hanno scritto alla Fondazione Unesco per protestare contro il raduno dei Quad nell’Agordino hanno ricevuto in questi giorni la seguente risposta standard:

    “Con riferimento alla manifestazione “Quad in quota” tenutasi il 12 e 13 ottobre scorso nei territori dei Comuni di Falcade e Canale d’Agordo, si segnala che la Fondazione Dolomiti UNESCO non è patrocinatore dell’iniziativa nè ha tanto meno condiviso o autorizzato l’associazione delle diciture e loghi del Patrimonio Mondiale nell’ambito della comunicazione e della promozione della stessa. Si segnala inoltre che in quest’occasione, come già per le edizioni passate, la Fondazione ha provveduto a prendere contatti con gli enti locali competenti al fine di sollecitare una maggiore attenzione alla coerenza delle attività che si svolgono sul territorio con i principi alla base di una gestione responsabile, nel nome dello sviluppo sostenibile e della compatibilità ambientale, nell’area delle Dolomiti UNESCO”.

    Reply
  • 12/10/2019 at 13:14
    Permalink

    Non ci sono parole. Sono tornato dal PRINCIPATO DELL’ASTURIA – SPAGNA – che vanta SETTE Riserve della Biosfera. IN ITALIA QUANTE RISERVE DELLA BIOSFERA CI SONO? LE DOLOMITI PATRIMONIO DELL’UNESCO… CHE SCHIFEZZA! Non si può fare nulla per farla cancellare? Mi domando: QUANTE DELLE OTTANTA ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE RECLAMANO? IL o I… presidenti regionali del CAI delle regioni del Trentino, HANNO RECLAMATO? E’ troppo tardi, caro Roberto. OGGI E DOMANI CI SARA’ QUESTA INVASIONE DI QUAD. VERGOGNA!

    Reply

Commenta la notizia.