Inaccettabile il raduno dei quad? E loro fanno il bis

“Questo raduno rappresenta un precedente inaccettabile: i quad attraverseranno strade forestali, ambiti di pascolo, radure umide di alta quota”, osservava nel 2017 Mountain Wilderness a proposito del raduno di quad nella valle del Biois. Parole al vento. I quadricicli non si sono nel frattempo estinti per cause naturali. Anzi, ritornano trionfalmente nelle Dolomiti nel week end del 12 e 13 ottobre 2019 per il tour 4×4 denominato “Quad in quota” con la benedizione della Fondazione Dolomiti Unesco. Ormai è un assalto generalizzato alle montagne dell’Unesco, senza alcun freno.

Dopo le jeep a San Martino di Castrozza, le Dolomiti sempre più si aprono a queste iniziative che provocano danno ambientale e d’immagine e gettano discredito anche sulla Fondazione Unesco. “Per l’evento si è scelto ancora il teatro naturale della Valle del Biois, in provincia di Belluno”, annuncia enfaticamente Radiopiù, “una perla circondata dalle più famose cime dolomitiche: le Pale di San Martino, le Cime d’Auta, il Civetta, il Pelmo, l’Agner e la Marmolada. Quale scenario migliore per un tour guidato sulle quattro ruote en plein air? Il campo-base quest’anno è allo Sport Hotel Cristal di Falcade, la cui proprietà si è messa a disposizione per la riuscita dell’evento. La domenica il gruppo fa tappa a Malga Stia in Val Gares e il pranzo domenicale viene ospitato all’Arena 1082 di San Tomaso Agordino. Confermati anche i momenti culinari, con tappe alla malga Le Buse, in una baita privata e poi la cena all’Hotel Cristal…”.

“Questa iniziativa”, è il commento del Consiglio direttivo di Mountain Wilderness, “va ad aggiungersi al raduno delle Jeep di San Martino di Castrozza, al concerto di Jovanotti a Plan de Corones e agli elicotteri ospitati nel cuore delle Dolomiti. Contemporaneamente il lavoro svolto dai volontari soci sostenitori di Dolomiti Unesco, Mountain Wilderness e CAI, teso a limitare gli eccessi di simili volgari eventi, è rimasto nel cassetto della Fondazione. Una straordinaria coerenza della istituzione nel tutelare il Patrimonio del Mondo. Una caduta totale di credibilità della Fondazione stessa”. (Ser)

Per saperne di più: http://www.radiopiu.net/wordpress/quad-in-quota-piu-forte-di-vaia-torna-in-val-del-biois-il-tour-4×4-delle-dolomiti/

Come risulta dalla locandina, la Fondazione Dolomiti Unesco sta incredibilmente dalla parte dei quad e della sistematica invasione tra i Monti Pallidi di questi rombanti veicoli fuoristrada.

One thought on “Inaccettabile il raduno dei quad? E loro fanno il bis

  • 12/10/2019 at 13:14
    Permalink

    Non ci sono parole. Sono tornato dal PRINCIPATO DELL’ASTURIA – SPAGNA – che vanta SETTE Riserve della Biosfera. IN ITALIA QUANTE RISERVE DELLA BIOSFERA CI SONO? LE DOLOMITI PATRIMONIO DELL’UNESCO… CHE SCHIFEZZA! Non si può fare nulla per farla cancellare? Mi domando: QUANTE DELLE OTTANTA ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE RECLAMANO? IL o I… presidenti regionali del CAI delle regioni del Trentino, HANNO RECLAMATO? E’ troppo tardi, caro Roberto. OGGI E DOMANI CI SARA’ QUESTA INVASIONE DI QUAD. VERGOGNA!

    Reply

Commenta la notizia.