Ripartenze. Con Fresu la musica prende quota

Dal 28 giugno al 6 settembre nove sono gli appuntamenti nelle valli dell’Ossola della rassegna “Musica in quota”: tra le esibizioni più attese in luglio quella di Paolo Fresu e Ramberto Ciammarughi in una cava di pietra a Oira (Crevoladossola). Con la sua magica tromba Fresu non è nuovo a incontri con l’alpe. Particolarmente apprezzata è la sua esecuzione di “Signore delle cime”, un canto di ispirazione popolare con testo e musica composti nel 1958 dal compositore vicentino Giuseppe (Bepi) de Marzi, divenuto un successo mondiale. Tutti i concerti della rassegna si svolgono alle ore 11.30, eccezion fatta per l’appuntamento in cava con Fresu previsto alle ore 22 del 12 luglio. L’avvio è previsto da una balconata affacciata sul Monte Rosa, presso il Rifugio Scarteboden, con l’esibizione del Trio “Bassa Besana Carigi”. Domenica 12 luglio appuntamento in Valle Antigorio, all’Alpe Bee: sul palco open air sale il duo acustico Village H mentre, come si è detto, alla Cava di Oira a Crevoladossola è in programma in serata l’evento musicale clou con Paolo Fresu e Ramberto Ciammarughi (unico concerto a pagamento).

Domenica 2 agosto altro appuntamento speciale: al Monte Zuoli, affacciato sul Lago d’Orta, musica concerto/spettacolo dedicato a Gianni Rodari nel centenario della nascita. Il 5 agosto il festival raggiunge la vetta più alta, al Rifugio Somma Lombardo, nell’incantevole scenario della Diga del Sabbione in alta Valle Formazza, con l’esibizione del gruppo Arbul. Si resta in Valle Formazza sabato 8 agosto: il Passo San Giacomo, a oltre 2300 metri di altitudine, è teatro del concerto della Otto Street Band. Per il tradizionale concerto della vigilia di Ferragosto “Musica in quota” si sposta in un piccolo gioiello del Cusio, Campello Monti: tornano a grande richiesta i suoni dei Boira Fuska. Sabato 22 agosto è la Valle Antrona, con l’Alpe Zii, a ospitare il concerto dei Fusilla Spark. Per il gran finale, domenica 6 settembre, la rassegna fa ritorno nella splendida conca dell’Alpe Solcio, con il concerto dei Pentagrami.

L’organizzazione comunica di garantire informazioni chiare per indirizzare e supportare tutti coloro che, pur non conoscendo il territorio, intendono raggiungere le esibizioni musicali. Sedi naturali della rassegna sono anche quest’anno antichi pascoli e verdi pianori circondati dalle vette dell’alto Piemonte: dagli storici alpeggi della Val d’Ossola alle distese di pascoli d’alta quota fino alle terrazze panoramiche sul Lago d’Orta. A sostenere “Musica in quota” sono numerosi partner e sponsor, ma anche gli stessi spettatori-escursionisti, che, associandosi al costo di soli 10 euro, contribuiscono ogni anno a sostenere le attività culturali dell’Associazione. Per rimanere aggiornati su Musica in quota, oltre alla pagina (https://www.facebook.com/musicainquota), è online anche il sito web www.musicainquota.it

Un particolare della locandina. In apertura Paolo Fresu, tra i più famosi e apprezzati jazzisti italiani.

Commenta la notizia.