Piemonte, dove il tempo si è fermato

Il tempo corre e lascia il segno. Ma sembra che in Piemonte si sia fermato per Alberto Re che dal 1974, come guida alpina, invita alla scoperta di nuovi orizzonti. Giornate di gloria le chiama, felice che tante persone scoprano con lui e si entusiasmino per quel mondo che Alberto tanto ama. Dal suo nuovissimo sito http://www.albertore.com scopriamo che il suo lavoro di guida è stato “un lungo percorso, dettato dall’amore per la natura selvaggia e dalla passione per l’ambiente montano e le vette che mi hanno fatto scoprire la scalata e lo sci”.

Nato sulle sponde del Mediterraneo a Marsiglia, nel 1937, da genitori emigrati dal cuneese, allo scoppio della guerra Aberto Re arrivò a Barge, al Bricco dei Luciano, una frazione di campagna, dove vivevano i nonni materni. Fin da ragazzo strade e sentieri per lui sono stati in salita, per andare a scuola, in paese, nei boschi, oppure, a trovare i parenti nelle frazioni sparse su altre montagne. Poi con il trasferimento della famiglia a Torino è cominciata una vita “normale” da disegnatore tecnico alla Fiat, affiancata però dalle uscite in montagna, a cominciare dal Monviso, la “sua” montagna. L’incontro con la Scuola Gervasutti del Cai di Torino, la scalata di pareti difficili in alta montagna sulle Alpi e due spedizioni in continenti diversi, l’Hannuman Tibba in Himalaya e il monte Sarmiento in Terra del Fuoco, sono state le tappe principali del suo percorso, per capire fin dove potevo spingermi con la sua preparazione tecnica e le mie risorse fisiche.

Alla “Gervasutti” si è formato alpinisticamente e ha trovato i compagni di cordata con cui condividere cime e passioni. Le due spedizioni hanno rappresentato lo spartiacque definitivo per un totale cambiamento della sua vita: un cammino che lo avrebbe portato a lasciare la città e un ottimo lavoro per trasferirsi con la famiglia in montagna, a Bardonecchia, e seguire un iter formativo per ottenere prima la specializzazione di tecnico di Soccorso Alpino e poi il titolo di guida alpina.

Commenta la notizia.