Museomontagna. Il Cervino è come un rock

Nel remoto 1927 sulla Rivista del Cai fascista si poteva leggere che “in ogni ascensione degnamente compiuta c’è uno stile d’arte e un gesto di bellezza”. Sta di fatto che tra alpinismo e pentagramma si è più volte compiuto una specie di corto circuito. Basti pensare a figure di celebri alpinisti e musicisti come Gabriele Boccalatte, fuoriclasse torinese diplomato al conservatorio, o del mantovano Ettore Zapparoli, romanziere e compositore, grande amico di Dino Buzzati, perito tra i ghiacci del Monte Rosa. 

La premessa può riguardare la nuova mostra intitolata “Rock the Mountain!” con cui il Museomontagna tenta di strizzare l’occhio alla meglio gioventù. Curata da Daniela Berta, direttore del Museomontagna, e da Paolo Ferrari, giornalista e critico musicale, la roccheggiante mostra presenta un’ampia selezione di dischi pubblicati dagli anni Settanta a oggi, “per offrire”, come viene spiegato in un comunicato, “ sia uno sguardo nuovo e obliquo sul mondo della montagna, sia un omaggio a quella sottostimata forma di creatività che è la cover art”.

Oltre a copertine di vinili, l’esposizione propone manifesti pubblicitari di album e tournée “che concorrono alla costruzione di un viaggio attraverso i generi musicali contemporanei e i rispettivi immaginari di riferimento: dal rock al soul, dal folk al metal, dall’elettronica alla disco music, fino alla ricerca e alla sperimentazione d’avanguardia”.

Il percorso incrocia da subito la storia del rock: è del 1971 il misterioso Eremita su roccia dei Led Zeppelin; per l’esplosivo manifesto del tour europeo del 1976, i Rolling Stones scelgono la totemica sagoma del Cervino. Il viaggio prosegue per suggestioni con i Deep Purple, Elton John, Village People, Yes, Depeche Mode, Goldfrapp, Chemical Brothers, Jamiroquai, Kanye West, Neil Young, Elvis Costello, Caravan, Noel Gallegher, Bob Marley, Tinariwen e tanti altri. (Ser)

Mostra a cura di Daniela Berta e Paolo Ferrari Torino, Museomontagna, 17 settembre 2020 – 17 gennaio 2021 Trento, Palazzo Roccabruna, aprile – maggio 2021, in collaborazione con la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento, in occasione del 69° Trento Film Festival.

Commenta la notizia.