Le 78 “alpimagie” di Stefano Torrione

E’ aperta a Bolzano fino al 25 aprile la mostra “AlpiMagia: riti, leggende e misteri dei popoli alpini” promossa e organizzata dalla Sezione di Bolzano del Cai, con l’intento di festeggiare – con questa e altre importanti iniziative – i 100 anni dalla sua costituzione che ricorre nel 2021. Le fotografie esposte nel Museo Civico di Bolzano testimoniano l’esperienza del fotografo valdostano Stefano Torrione, che indaga a fondo per immagini riti, leggende e tradizioni popolari delle genti alpine, tra passato e presente.

L’esposizione, curata da Augusto Golin, presenta 78 fotografie di grande formato che mettono in mostra più di settanta eventi, tra Liguria e Friuli, documentati dall’autore nei cinque anni di lavoro. Ne risulta un affresco che illustra le differenti sfaccettature di un’unica cultura millenaria, legata al territorio delle Alpi e alle popolazioni che lo abitano da generazioni. Fili conduttori sono la magia e il mistero radicati in tali riti, connessi con i ritmi della natura, il calendario della vita contadina e la morfologia della montagna.

L’appassionante viaggio visivo si sviluppa dalla leggenda delle Anguane a quella dell’Uomo Selvatico e dei Krampus, dai fuochi Epifanici a quelli del Solstizio d’estate, dai falò del Diavolo a quelli in alta quota, dalle rappresentazioni dei Lupi a quelle degli Orsi, dai riti Primaverili a quelli di Aratura propiziatoria, dai Guaritori mistici ai riti Arborei, dai rituali di passaggio ai canti epitalamici e, ancora, dalla notte delle Streghe a quella delle Stelle. All’esposizione si accompagna il catalogo edito da Stefano Torrione Editore, che presenta 85 fotografie e alcuni testi dello scrittore Paolo Cognetti.

Nato ad Aosta nel 1962, dopo la laurea in Scienze Politiche Torrione si dedica esclusivamente alla professione di fotografo, occupandosi in prevalenza di reportage geografico ed etnografico. Dal 1992 è fotografo di Epoca e nel 1994 vince ad Arles (Francia) il prestigioso Panorama European Kodak Award. Successivamente pubblica importanti servizi su numerose riviste italiane e straniere (National Geographic Italia, Geo, Panorama Travel, Meridiani Montagne, Traveller, Rutas del Mundi…) continuando a viaggiare e testimoniando con le sue fotografie la realtà di moltissimi paesi.

La mostra è resa possibile grazie al patrocinio del Comune di Bolzano e della Fondazione Dolomiti Unesco, al supporto degli uffici cultura della Provincia Autonoma di Bolzano e del Comune di Bolzano e della Regione Trentino Alto Adige e allo sponsoring di Banca Popolare, Potenza Assicurazioni, Salewa, Microgate, Finstral e Stuefer Bau. Il Cai Bolzano ringrazia per la collaborazione anche l’Associazione Nazionale Alpini di Bolzano e il Soccorso Alpino.

Immagini © Stefano Torrione

Commenta la notizia.