Salvate la Weissmatten! Accolta la petizione

Lo scenario dello sci alpino è oggi complesso, spesso drammatico per la situazione creatasi con la pandemia, ma anche per le incognite climatiche. A tutto ciò si aggiunge la colpevole trasandatezza di enti locali e non solo, incuranti che centinaia di impianti di salita obsoleti e di piste abbandonate offendano i paesaggi alpestri mentre ci vorrebbe poco, con il concorso di volontari, a smantellarli. Non è il caso della famosa, stupenda pista della Weissmatten a Gressoney-Saint-Jean in Valle d’Aosta che rischia di essere condannata alla chiusura per ragioni climatiche e di bilancio. 

Se ne era parlato a suo tempo in MountCity in toni accorati. Ora però un barlume di speranza per la sua sopravvivenza sembra accendersi. Sono infatti annunciate le audizioni nella quarta commissione “Sviluppo economico” del Consiglio Valle riguardanti la petizione popolare per il mantenimento e l’incremento nel tempo dell’offerta turistica costituita dall’impianto sciistico. L’iniziativa, depositata il 30 giugno e sottoscritta da 5.554 cittadini, è stata dichiarata ricevibile dall’Ufficio di Presidenza nella sua riunione del 29 ottobre. 

“Condurremo una serie di audizioni, partendo dai primi firmatari della petizione, per poi proseguire con il sindaco di Gressoney-Saint-Jean, l’Assessore Luigi Bertschy e i funzionari della Struttura impianti a fune, le società partecipate Monterosa e Finaosta, i rappresentanti del Consorzio turistico Monterosa e il direttore della Scuola di sci del Weissmatten”, ha precisato il Presidente della commissione Giulio Grosjacques.

Nella petizione pro Weissmatten indirizzata al presidente della Regione Autonoma Valle d’Aosta si leggeva che “la comunità di Gressoney Saint Jean si oppone alla chiusura dell’impianto di risalita di Weissmatten, un pezzo di storia della comunità locale, una delle prime e più belle piste da sci dell’arco alpino”. 

E più avanti nella petizione: “Salvare Weissmatten e donarle nuovo slancio significa contribuire a sostenere la comunità Walser della valle del Lys, una comunità con un’identità culturale molto antica e speciale che abita la vallata da secoli e da secoli se ne prende cura conservandone intatta con dedizione e grande sacrificio la bellezza naturale. Aiutateci a salvare un pezzo importante del nostro passato, presente e del futuro”. 

Oggi molti impianti “minori” chiudono lasciando meste tracce sulle nostre montagne e piste desolatamente in abbandono. Ma la “nera” della Weissmatten dedicata all’indimenticabile campione Leonardo David si vorrebbe che facesse eccezione. E’ davvero speciale per chi ha buone gambe e sufficiente tecnica di discesa. (Ser)

L’arrivo della “nera” dedicata a Leonardo David.

2 thoughts on “Salvate la Weissmatten! Accolta la petizione

  • 12/11/2020 at 19:04
    Permalink

    non è una pista per turisti, quelli vadano a sciare altrove o vadano via e basta.

    Reply
  • 12/11/2020 at 13:18
    Permalink

    Perché continuiamo a voler tenere in piedi dei cadaveri utilizzando soldi pubblici? Evidentemente i cambiamenti climatici non permettono più una gestione economicamente virtuosa della pista. Stop. Si usino quei soldi per incentivare forme di turismo diverse.

    Reply

Commenta la notizia.