Bufera sul Baldo, rifugio al buio. E i tecnici compiono prodigi

La bufera che domenica 13 imperversava sul monte Baldo, in provincia di Verona, ha messo a dura prova la resistenza di quattro tecnici di una società del Gruppo Enel che gestisce la linea elettrica a media e bassa tensione. A chiedere il loro intervento era stata Anna Maria Montanari che gestisce il rifugio Fiori del Baldo della Sat a 1850 metri sopra il lago di Garda. Un guasto alla linea l’aveva lasciata al buio e al freddo. Ordinaria amministrazione? Non del tutto. Il quotidiano L’Arena di Verona ha ritenuto di dover dedicare una delle sue cronache a questa esperienza non comune. E ha fatto bene.

A quanto si legge sul quotidiano, dopo la segnalazione la squadra dell’azienda elettrica era partita all’alba per arrivare sulla vetta del Baldo. Raggiunta la località Due Pozze con un fuoristrada, scortati dalla Protezione civile locale, i quattro – sotto la guida di Andrea Massocco, caposquadra – hanno affrontato vento, neve e pioggia avviandosi verso la cima con le ciaspole. 

“Le condizioni meteo erano veramente difficili”, racconta Massocco. “Il vento era fortissimo. Avevamo con noi anche una bussola, indispensabile. Infatti ci siamo ritrovati in mezzo a una nebbia fitta che rischiava di farci perdere l’orientamento, anche se conosciamo bene il Baldo. In realtà siamo addestrati per operare in situazioni di emergenza”. 

In queste condizioni i quattro hanno camminato per oltre due ore. Giunti a un centinaio di metri dal rifugio sono riusciti a riattivare la linea. Un altro guasto si è poi registrato su un traliccio situato nella zona del forte di Naole. Sulla struttura si era formata una spessa coltre di ghiaccio che aveva tranciato di netto un cavo elettrico. Ma niente paura. I tecnici anche in questo caso sono riusciti a mettere in sicurezza la linea sfidando la bufera. D’accordo, hanno fatto il loro dovere e sono pagati per questo. Ma non si meritano lo stesso una segnalazione e anche un elogio? (Ser)

Situazioni di emergenza rendono talvolta difficili gli interventi dei tecnici. In apertura il rifugio Fiori del Baldo a 1850 metri di quota.

Commenta la notizia.