Il Natale che tutti desideriamo

“Vi mando questa mia semplice poesia: decidete se ritenete utile pubblicarla”. Con queste parole Francesco Lena di Cenate Sopra (Bergamo) mette a disposizione degli amici di MountCity un suo significativo componimento che correttamente interpreta il pensiero degli uomini di buona volontà di fronte a un’“edizione” decisamente straordinaria del Natale. Pubblichiamo volentieri ringraziandolo, come altre volte è stato fatto, quanto l’amico Francesco garbatamente ci sottopone. Ne approfittiamo al tempo stesso per rivolgere gli auguri più sentiti ai nostri lettori e, in particolare, a quanti continuano a seguirci offrendoci generosi contributi e incoraggiandoci a perseverare.

Uniti verso la rinascita

Anche quest’anno, dentro un periodo difficile e burrascoso, è arrivato il Natale.

Porta sempre freddo e neve, creando un’atmosfera di buona armonia per festeggiare questa festa speciale.

Questa bella festa ci dà la forza di affrontare al meglio il Covid e raggiungere l’obiettivo di una rinascita. 

Bisogna restare uniti con responsabilità e sacrificio, nella condivisione, solidarietà per superare le difficoltà.

C’è bisogno di un Natale pieno di umanità, per ricordare con amore i nostri cari anziani.

E’ venuta a mancare la loro saggezza, la loro esperienza, il loro sapere. 

Per colpa del Covid, in silenzio se ne sono andati.

Questo periodo buio, con la ricorrenza della nascita di Gesù bambino, ci porti luce e speranza.

Natale illumini il nostro cammino perché siano costruiti i valori di amicizia, gentilezza e umana fratellanza.

C’è bisogno di un Natale solidale, occorre superare le barriere e costruire ponti, per aiutare di più e meglio i più bisognosi, i vecchi, gli ammalati i diversamente abili, gli immigrati, per compiere buone azioni con orgoglio.

C’è bisogno di un Natale di responsabilità e impegno per la natura e l’ambiente, da curare e salvaguardare.

La terra è la nostra preziosa casa comune, piena di infinite bellezze da ammirare e rispettare.

C’è bisogno di un Natale di collaborazione, di relazioni sane e umane fatte con amore e gentilezza.

Dobbiamo dare tutti il meglio di noi per il bene comune. La dignità di ogni persona sia garantita e diventi una certezza.

C’è bisogno di una società, dove il diritto alla salute, all’istruzione, al lavoro, al cibo siano garantiti a tutti i cittadini del mondo, dove ci sia una distribuzione delle risorse più equa e più solidale.

Sarà tutti i giorni Natale se al centro metteremo la persona con i suoi bisogni e se insieme sconfiggeremo l’indifferenza per riuscire a costruire un mondo più umano, giusto e migliore dentro un percorso luminoso, di impegno concreto per raggiungere obiettivi di fratellanza, giustizia sociale, pace e rinascita.

Francesco Lena

Commenta la notizia.