Addii. Michele Pala, Bergführer del Monte Rosa

Si è spento Michele Pala, classe 1932, l’ultimo superstite fra le Guide Alpine di Macugnaga che nel febbraio 1965 effettuarono la prima invernale della Dufour: con Pala erano impegnati Luciano Bettineschi, Felice Iacchini e Lino Pironi. Era stato Michele, in collegamento con Macugnaga, a comunicare “Stiamo bene, proseguiamo un po’ lentamente per via del vento e della neve molle…”. E poi: “Abbiamo sudato per passare la Bergschrunde… proseguiamo veloci verso le rocce”. E ancora, dopo che lassù si era scatenata una violenta bufera: “Qui c’è l’inferno. Dobbiamo salire per evitare congelamenti…”. 

 
Al Belvedere di Macugnaga l’allora sindaco Livio Ravaioli consegna nel 1961 il Tricolore che le Guide Alpine isseranno sulla punta più alta del Monte Rosa, la Dufour (4634 m), in occasione del Centenario dell’Unità d’Italia. Da sinistra Michele Pala, Giuseppe (Peppo) Pirazzi, Don Sisto Bighiani, Prevosto di Macugnaga, il sindaco Livio Ravaioli, Pierino Iacchini, Costantino Pala, Felice Iacchini, Giuseppe Oberto (archivio Il Rosa). In apertura Michele Pala in una recente immagine di Marco Sonzogni.

I quattro uomini bivaccarono in parete a 4500 metri con una temperatura di -40°C sospesi nel vuoto. Alle 11.45 del 6 febbraio il silenzio venne rotto da Michele: “Qui radio Dufour, siamo sulla vetta! Se ci sentite rispondete”. 

Michele Pala, Bergführer (ci teneva molto alla dizione tedesca), è stato protagonista anche nella conquista dell’invernale sulla Santa Caterina. Suoi compagni furono Luciano Bettineschi, Felice Iacchini, Carlo Iacchini, e Lino Pironi. Era il febbraio del 1967. Sempre nel mese di febbraio, anno 1971, ancora con Lino Pironi e Carlo Iacchini, firmò anche l’invernale del Canalone della Solitudine. Tre furono i bivacchi con temperature impossibili.

Il 4 febbraio 2021, a Macugnaga, Michele è stato accompagnato sotto al Vecchio Tiglio nel cimitero dove riposano grandi nomi dell’alpinismo.

Walter Bettoni

Michele Pala, Carlo Iacchini e Lino Pironi nel febbraio 1971 di ritorno dall’invernale al Canalone della Solitudine.

Commenta la notizia.