Sonniferi in quota, quando evitarli

Dalle patologie causate dall’alta quota (comprese le conseguenze dell’uso di sonniferi) ai problemi medici nel corso dell’esplorazione spaziale: su questi argomenti venerdì 14 giugno 2019 si è tenuta presso l’anfiteatro dell’ENSA (Ecole Nationale de Ski et Alpinisme”) a Chamonix la “Deuxième Journée Médicale Montagne et Altitude” organizzata da Paul Robach, Alice Gavet e Samuel Vergès dell’Association EXALT di Grenoble.

Leggi tutto

Milano e le (sue) montagne incantate

Il terzo volume della collana “Le montagne incantate” (Club Alpino Italiano e National Geographic, 12,90 euro) conduce dal Bernina alla Val d’Ossola. Sul rapporto tra Milano e le vette si sofferma nel libro Eugenio Pesci, docente di filosofia e una celebrità come scalatore: sulle Grigne ha tracciato itinerari diventati dei classici…

Leggi tutto

Tutela Unesco. C’è poco da festeggiare

Il 26 giugno del 2009 l’Unesco riconosceva le Dolomiti come patrimonio mondiale “per il loro valore estetico, paesaggistico e per l’importanza scientifica a livello geologico e geomorfologico”. Sono passati dieci anni e festeggiamenti sono stati organizzati in varie località dolomitiche. Il riconoscimento però, secondo i protezionisti sudtirolesi (Dachverband) e l’associazione Mountain Wilderness, nel corso di questi dieci anni si è tramutato in uno strumento di puro marketing. 

Leggi tutto

Scoramento fuori… dal coro

Ci sarebbe poco da festeggiare e molto da riflettere su due eventi che in questi giorni hanno per teatro le nostre montagne. Per quanto riguarda il decennale del riconoscimento dell’Unesco alle Dolomiti quale Monumento del Mondo, l’iniziativa, secondo i protezionisti sudtirolesi (Dachverband) e l’associazione Mountain Wilderness, si è tramutata uno strumento di puro marketing. Ma poco da festeggiare ci sarebbe anche per l’assegnazione dei Giochi olimpici invernali 2026 a Cortina e Milano…

Leggi tutto

Viandanti delle Alpi

“Viandanti delle Alpi – Cartografia ed esplorazione”: questo il titolo di una mostra alla Casa degli Artisti “Giacomo Vittone” di Canale di Tenno (Trento) che prende spunto da un’attraversata dell’arco alpino osservata con lo sguardo bidimensionale della cartografia antica. Sono esposte una trentina di cartine dal Cinquecento al primo Novecento, originali e in copia e la mostra è permeata dall’esperienza viva del viandante, in questo caso il celebre alpinista ed esploratore londinese Douglas William Freshfield…

Leggi tutto

Pizzo Cengalo, imprevedibile la frana?

Per il procuratore svizzero Maurus Eckert, “l’evento in quel momento era imprevedibile, motivo per cui nessuno può essere accusato di negligenza”. Ma forse, con un comportamento diverso, quel 23 agosto 2017 gli otto escursionisti rimasti sepolti si sarebbero potuti salvare…

Leggi tutto

Lavoro e passione dalla città al rifugio

Ogni week-end una coppia di quarantenni milanesi sale a gestire il rifugio Brasca in Val Codera. Mirco è geologo specializzato in bonifiche ambientali, Elisabetta è psicologa-psicoterapeuta dell’età evolutiva, appassionata della montagna da sempre e skyrunner. Lorenzo Dotti li ha intervistati.

Leggi tutto

Il Cai e la questione ambientale

Ad attenuare le riserve sulla posizione del Club Alpino Italiano da parte di chi ha notato una certa fatica nel dare una risposta netta ai fautori del collegamento sciistico tra Comelico e Pusteria, dovrebbe provvedere ora il comunicato diffuso dell’Ufficio stampa il 3 giugno sotto il titolo “Coerenza ma con rispetto” che riceviamo e volentieri pubblichiamo nella sua integrità…

Leggi tutto

In fiamme il Camussot a Balme, la Duse vi girò il film “Cenere”

“Una montagna piena d’ombre e di sole…e l’aria che rimette a nuovo”. Così Eleonora Duse (1858-1924) descrive nel 1885 una vacanza rigenerante all’hotel Camussot di Balme che ha preso fuoco nella notte fra il 4 e il 5 giugno 2019.

Leggi tutto

I tormenti del Club alpino

“Non si deve trascurare”, si legge nel portale del CAI a proposito dei nuovi impianti nel Comelico, “in modo aprioristico la possibilità, riconosciuta dallo stesso Bidecalogo e dettata da evidente e doverosa forma di attenzione verso le popolazioni di montagna, quando se ne ravvisasse l’opportunità socioeconomica, nelle zone in cui tali infrastrutture siano già presenti, di sollecitare approfondimenti ed una rigorosa analisi dei costi/ benefici e della sostenibilità economica e ambientale di nuovi progetti…”

Leggi tutto

No ai vincoli. Comelico in piazza

Una folla di oltre 2000 persone ha percorso sabato 1° giugno in Comelico la strada tra il municipio di Candide e la piazza San Luca di Padola scandendo slogan a favore del collegamento impiantistico con la Val Pusteria e contro i nuovi vincoli imposti al Comelico e ad Auronzo…

Leggi tutto