Montagne che non bucano gli schermi

Dove è finita la montagna nella nuova libreria Feltrinelli di piazza Piemonte a Milano? Gentili commesse spediscono al piano di sopra. Nel settore “viaggiare” (sic) con i cinque continenti ben visibili in un grande pannello per chi non avesse capito di che cosa si tratta, le categorie “Nautica” e “Alpinismo” appaiono chissà perché appaiate sullo stesso esiguo scaffale…

Leggi tutto

Uomini e predatori, quali convivenze possibili

Nel quadro delle attività della Rete APPIA per la Pastorizia è in preparazione un convegno dal titolo “Pastorizia sotto attacco. Allevare nell’incertezza tra cura dei territori e danni da predazione” in programma il 18 dicembre. Della coordinatrice Letizia Bindi, antropologa, viene qui pubblicata una testimonianza intitolata “Il lupo va in città”. L’intento dell’autrice è anche quello di “restituire tutta la complessità e ricchezza di un dibattito che si spinge fino a incrociare le questioni della politica agricola comune, la gestione e manutenzione dei territori e la prevenzioni dai rischi da emissioni tossiche eccessive degli allevamenti intensivi”…

Leggi tutto

Montagna che resiste. La bottega in val Pesio diventata un simbolo

Ottavia Biarese, un passato come atleta dello sci di fondo, una laurea in Lettere e Filosofia, ha coronato il suo sogno. A San Bartolomeo di Chiusa Pesio, ridente borgata a 15 km da Cuneo, in un locale dismesso che fino al 2012 ospitava gli uffici delle Poste, ha aperto dopo essersi laureata un negozio di alimentari specializzato anche in formaggi tipici e prodotti di nicchia della valle. I giornali, così come MountCity, si sono interessati del suo caso…

Leggi tutto

Giornata della Montagna, i temi in evidenza

Venerdì 11 dicembre ricorre la Giornata internazionale della montagna istituita dalle Nazioni Unite in occasione dell’Anno mondiale delle montagne nel 2002 e riproposta annualmente con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dell’importanza di questi territori per la salute del pianeta e per il benessere delle persone e di mettere in evidenza la varietà e la ricchezza delle culture di montagna. Sulla montagna che accoglie si esprime con uno scritto originale Beppe Guzzeloni, istruttore del Cai, attivo promotore del sociale nelle attività in quota.

Leggi tutto

Foreste dimenticate. La tratta del legname perduto

C’è da trasecolare nell’apprendere, come espresso nel titolo del servizio del Sole 24 Ore, che “il Nord Est esporta e ricompra in Austria il suo stesso legno”. Ma proprio così stanno le cose. Una perversione concettuale, produttiva e ambientale la definisce l’autore dell’articolo. I colpevoli? “Una catena di scelte politiche, imprenditoriali, ambientali e di tutela del territorio. Con un danno enorme”.

Leggi tutto

Le tante voci di “Fatti di Montagna”

Come un colorito patchwork, “Fatti di Montagna” si ripromette di raccontare sul web la montagna a più voci con una formula originale. Otto sono i partner ai quali se ne andranno presto ad aggiungere altri, 11 le rubriche destinate ad aumentare di numero per toccare nuovi aspetti, 18 le firme illustri che con spirito di amicizia hanno accettato di portare un loro contribuito per rendere ancora più appassionante l’andare in montagna. Uno dei punti di forza è costituito dai podcast. Sono finora on line più 100 episodi con più di 20 ore di audio come precisa l’ideatore Luca Serenthà, un giovane milanese con la montagna nel cuore…

Leggi tutto

Dieci borgate modello tra Italia e Francia

Perfettamente integrate nell’ambiente, nel contesto economico e sociale, in linea con lo stile e i materiali della tradizione locale, edificate secondo gli standard più moderni per il risparmio energetico, in armonia con il territorio che le ospita. Sono queste le caratteristiche di dieci strutture modello inserite in zone rurali, individuate tra Italia e Francia. Le ha selezionate il “laboratorio” di Habit.A nelle Alpi del Sud, a cavallo tra Italia e Francia, fra Cuneese e Dipartimenti delle Hautes Alpes e delle Alpes de Haute Provence.

Leggi tutto

Montagna 4.0 FutureAlps. Olimpiadi e sviluppo del territorio

Il percorso Montagna 4.0 FutureAlps si è concluso mercoledì 2 dicembre a Bormio, dove è iniziato il 25 settembre. Si è trattato della terza edizione del ciclo di conferenze che prese il via nel 2017 per iniziativa del Comune di Bormio e della Società Economica Valtellinese alla quale dobbiamo il resoconto qui pubblicato: relativo, appunto, alla serata conclusiva del ciclo 4.0 FutureAlps sul tema “Eventi per il turismo alpino, quali benefici: condizioni e opportunità di sviluppo”, il cui interesse si è focalizzato in particolare sul ruolo della Valtellina nei Giochi olimpici del 2026.

Leggi tutto

Sci tra passato e futuro (3). Via quei ruderi, ma chi provvede?

Nonostante le difficili condizioni meteorologiche i volontari di Mountain Wilderness Francia hanno completato in ottobre lo smantellamento della stazione sciistica di Sainte Eulalie, ai piedi dell’emblematico Mont Gerbier de Jonc a meno di 500 metri dalle sorgenti della Loira. Sono 13 i tralicci abbattuti per un totale di 12 tonnellate di rottami metallici.

Leggi tutto

Letture. Cinque cerchi quanto ci costate!

Nelle pagine del volume “La bolla olimpica” di Silvio La Corte (Mimesis/Eterotropie) si può leggere la storia delle passate olimpiadi e dei continui, documentati fallimenti economici, dei disastri ambientali che hanno comportato, dell’incapacità degli enti locali di gestire il patrimonio di impianti che viene loro lasciato in eredità.

Leggi tutto

Val di Funes, strage di pecore. L’intervento di Salewa

Un’originale e benemerita iniziativa del brand altoatesino Salewa, specializzato in prodotti tecnici per la montagna, è stata concepita per offrire sostegno ai pastori della Val di Funes. Il progetto ha l’obiettivo di contribuire concretamente alla ristrutturazione della malga Kofel utilizzata in estate dagli allevatori delle Villnösser Brillenschaf, le famose “pecore con gli occhiali”, insidiate da lupi e sciacalli.

Leggi tutto

Occhio alle palle (del toro)

I milanesi amano, per scaramanzia, schiacciare i testicoli del toro raffigurato sul pavimento della Galleria Vittorio Emanuele. Ma non è escluso che dietro questo rito ci sia una mai sopita rivalità con i torinesi ai quali il toro è dedicato. Una rivalità divampata nella recente gara per l’assegnazione dei giochi olimpici invernali…

Leggi tutto

“Dislivelli”, lo sci e il grido di dolore stonato

“Sono molti anni che Dislivelli, senza acredine e senza pregiudizio”, scrive Enrico Camanni nell’editoriale della rivista, “mette in dubbio le scelte unilaterali dell’industria dello sci di massa, sostenuta da ingenti finanziamenti pubblici (cioè dai soldi di quei pochi cittadini che sciano e di quei tanti che non sciano affatto), che come tutte le industrie dai piedi pesanti non è in grado di adattarsi ai cambiamenti (climatici, economici, estetici), ma cerca con insistenza, talvolta con violenza, di adattare il mondo alle sue esigenze di sviluppo illimitato”.

Leggi tutto

Sondrio, 30 milioni per “guarire” dalla frana

Sotto l’albero o al più tardi i primi dell’anno nuovo arriveranno a Sondrio i 30 milioni di euro mancanti per il cantiere del bypass che metterà in sicurezza l’abitato minacciato dalla frana di Spriana. A garantire l’impegno per un’opera catalogata come urgente è il ministro alle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli.

Leggi tutto

Vandali, divieti, petizioni. Colle del Prete senza pace

Ignoti hanno rimosso in Piemonte i cartelli stradali di divieto di accesso lungo la strada da Borgata Maire al Colle del Prete, fatti sistemare dopo l’ordinanza del sindaco di Sampeyre Domenico Amorisco che vieta il transito ai mezzi fuoristrada (4×4, quad, moto) sulla strada sterrata che da Becetto conduce al Colle. Il Comune ha sporto denuncia e dato un annuncio in Facebook che ha fatto irritare i fuoristradisti…

Leggi tutto

La neve finisce? Due o tre cose giuste da fare

Se è impossibile nell’Appennino programmare una stagione con gli sci come ha raccontato Aldo Cucchiarini di Mountain Wilderness Italia all’incontro in streaming “La montagna italiana senza neve” sabato 28 novembre, inserito nel palinsesto di “Fa’ la cosa giusta!”, che senso hanno i nuovi impianti sulle piste del monte Catria? Che senso ha riempire di ferraglia questa bellissima montagna dell’Appennino umbro-marchigiano? Che senso hanno i milioni di euro investiti a spese dei contribuenti?

Leggi tutto

Luoghi del cuore. Monteviasco splendido e dimenticato

Fu grazie alla popolare trasmissione televisiva “Portobello” che nel 1989 nella lombarda val Veddasca, al confine con la Svizzera, venne attivata una funivia. Dal 2018 però è bloccato quel piccolo impianto che collega il borgo in provincia di Varese al resto del mondo in alternativa ai circa 1400 gradini di una mulattiera che sale lassù dall’abitato di Curiglia. Adesso potrebbe essere il Fondo Ambiente Italiano a offrire un contributo per contribuire a strappare all’isolamento Monteviasco, uno dei borghi più belli d’Italia.

Leggi tutto

Località sciistiche da riconvertire, occorre pensarci subito

“Partire ora per essere pronti tra dieci anni, quando sotto i 1500 metri la neve non ci sarà. Ma serve una politica forte, che non c’è”. Sulla riconversione delle località sciistiche ormai “decotte”, argomento del giorno, interviene Carlo Guardini, ex direttore dell’Apt di Trento e grande esperto di turismo oltre che sciatore abile e appassionato. L’intervista, a cura di Luca Petermeier, è apparsa il 28 novembre sul quotidiano “Trentino” con il titolo “Sci, le località decotte vanno riconvertite”.

Leggi tutto

Ferrari stravince. Giuria e lettori lo premiano al “Mazzotti”

l giornalista e scrittore fondatore di “Meridiani Montagne” era già risultato quest’anno vincitore nella sezione “Alpinismo” con il volume “Nel castello delle storie. Montagne, ghiacciai, foreste da oggi al 1778” (Ulrico Hoepli Editore, 2019). Sabato 28 novembre nel corso della cerimonia conclusiva è risultato anche il più apprezzato dalla Consulta composta da 40 lettori.

Leggi tutto

Sci tra passato e futuro (2). Chi furono i pionieri dell’oro bianco

Pubblicato in Francia per le edizioni Glénat, il libro di Philippe Révil e Raphael Helle “Le pionniers de l’or blanc” passa in rassegna 22 artefici di un boom irripetibile. Sfogliamone insieme qualche pagina.

Leggi tutto

FutureAlps. Mobilità e pratiche virtuose: come sarà il 2040

Trovare un equilibrio tra accessibilità e sostenibilità ambientale, favorire il passaggio da una mobilità individuale a una condivisa, potenziare la mobilità elettrica: questi e molti altri sono stati i temi toccati nella giornata di venerdì 20 novembre 2020 in occasione del quinto appuntamento di Montagna 4.0 FutureAlps, ospitato a Sondrio.

Leggi tutto

Stop alla funivia, il Queyras esulta

Nel Queyras, a pochi chilometri dalla frontiera con l’Italia, il sindaco di Saint Véran a quota 2042 metri, uno tra i 159 borghi più belli di Francia, situato al centro del Parco naturale regionale del Queyras, si compiace per un motivo che avrebbe gettato nello sconforto buona parte dei suoi colleghi delle località alpine italiane: è stato infatti ufficialmente cancellato il progetto di una nuova funivia contro il quale erano state raccolte 13.822 firme.

Leggi tutto